L’Egitto alla conquista del Mudec di Milano

Print Friendly, PDF & Email

Milano. “Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II” è il titolo della grande mostra dedicata alla vita e alla figura del faraone vissuto tra il 1427 e il 1401 a.C, durante la XVIII dinastia (1550 – 1295 a.C.), sovrano di una corte sfarzosa e protagonista di un’epoca storica straordinariamente ricca.

Il MUDEC torna così a raccontare la storia e le sue trasformazioni, le culture antiche e le civiltà native, soffermandosi in particolare sulla doppia ‘riscoperta’ del faraone egiziano: quella della figura storica del faraone Amenofi II, spesso ingiustamente oscurata dalla fama del padre Thutmosi III; e quella prettamente archeologica del grande ritrovamento nella Valle dei Re della tomba di Amenofi II, ricostruita in scala 1:1 nelle sale del Museo delle Culture.

L’esposizione si avvale di reperti provenienti dalle più importanti collezioni egizie diffuse in tutto il mondo: dal Museo Egizio del Cairo al Rijksmuseum van Oudheden di Leida, dal Kunsthistorisches Museum di Vienna al Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

Realtà museali e collezioni private da cui provengono statue, stele, armi, oggetti della vita quotidiana, corredi funerari e mummie.

Importante il contributo dato alla mostra dalla Raccolta Egizia del Comune di Milano, che arricchisce il percorso espositivo della mostra con oltre venti opere, tra cui alcuni sarcofagi.

Il progetto si inaugura con una “Egypt Room” che, dal 13 settembre al 7 gennaio 2018, racconterà la storia dei rapporti tra la città di Milano e l’Egitto attraverso interviste a testimoni diretti dell’oggi del passato, fotografie, filmati e suoni, attentamente orchestrati nell’opera video di Prospekt Phographers.

A partire da ottobre, poi, saranno proposti incontri di narrativa e poesia, fiabe egiziane per bambini, laboratori di cucina e spezie, film, dibattiti su temi sociali e civili di attualità e momenti di apprendimento delle sonorità della lingua araba e del vocabolario di base – “l’arabo in 150 parole” che verrà promosso in brevi appuntamenti settimanali.

E ancora, la scena underground italo-egiziana, la musica, un focus sulle arti visive e un concorso video promosso da Docucity, Documentare La Città’ (Università degli Studi di Milano) in collaborazione con CTU (Unimi) che ha per titolo “Dal Nilo al Naviglio” e prende il via dal 12 settembre con la pubblicazione del bando (scaricabile dal sito http://www.docucity.unimi.it/). La scadenza per la partecipazione è il 20 novembre.

La visione pubblica dei filmati selezionati e la premiazione si svolgeranno al Mudec nel mese di gennaio 2018.

 

Fonte: Ufficio Stampa Segreteria Comune di Milano

Potrebbe interessare:

Cultura-Milano: la collezione etnografica permanente resta gratuita fino a fine anno
“Harry Potter e la camera dei segreti” in concerto a Roma e a Milano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti