A Londra, un ‘dialogo’ con De Chirico

Print Friendly, PDF & Email

Londra. La Galleria Nahmad Projects ospita “Metafisica da giardino”, una mostra evento dedicata al genio di Giorgio De Chirico, visto attraverso gli occhi di un altro artista, Francesco Vezzoli.

Tra gli ultimi lavori di Vezzoli, classe 1971, la mostra, ancra in corso, alla Fondazione Prada dove racconta a modo suo la Rai (“TV/ 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai”).

Vezzoli torna così con un progetto che inserisce la propria opera in una visione più ampia e curatoriale. Mettendo in luce quell’interesse per la storia dell’arte che caratterizza, in maniera incisiva, lo sviluppo più recente del suo fare.

Perché ogni “movimento – sia esso artistico o politico -,”spiega,“non può prescindere dal proprio passato. La storia può essere affrontata dialetticamente o anche aggressivamente, ma deve essere pur sempre presa in considerazione”.

Per rendere omaggio all’immenso De Chirico, Vezzoli crea e costruisce una messa in scena in grado di sostenerne il genio.

Cinquanta metri lineare di pittura murale affidata alle mani di giovani restauratrici, che riproducono fedelmente e in scala massima una delle opere più famose dell’artista romano d’adozione, “Piazza d’Italia”, restituendo la Metafisica in effetto 3d.

Primissimo bozzetto digitale del progetto di Francesco Vezzoli

La scena è quella di una conversazione, da giardino, come suggerisce il titolo. Un allestimento onirico si appropria dell’intera galleria, con la presenza di un pavimento erboso e l’apparire, tra gli ingigantiti archi del colonnato dipinto, di alcuni capolavori del Maestro.

Tra questi, “Filosofi greci”, del 1925, “Gladiatori”, del 1928, “Bagni misteriosi”, del 1974, e “Soli sul cavalletto”, 1968.

“Sono profondamente grato alla Galleria Nahmad”, continua Francesco, “che mi ha permesso di “giocare” con capolavori dechirichiani dei più svariati periodi, permettendomi immodestamente di agire da divulgatore e speriamo agitatore al tempo stesso e, soprattutto, son grato a De Chirico per essere stato eternamente e incessantemente fedele alle sue “visioni” metafisiche e verso la fine direi prescientemente postmoderne”. 

 

Credits: a cura di Francesco Vezzoli

Informazioni:

“Metafisica da giardino”

Nahmad Projects, 2 Cork Street, Londra

dal 28 settembre al 15 dicembre 2017

Tel: +44 207 494 25 77 / e-mail: info@nahmadprojects.com

Sito: www.nahmadprojects.com

Fonte: L’Espresso

Potrebbe interessare:

20 anni di Harry Potter: come Londra celebra il maghetto
Londra: i luoghi di Virginia Woolf
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti