Modena: il gran ritorno di GUSTI.A.MO17 tra eccellenze gastronomiche e itinerari d’arte

Print Friendly, PDF & Email

Il fine settimana del 29 e 30 settembre e 1 ottobre, a Modena, nella centralissima Piazza XX Settembre, torna la seconda edizione di Gusti.a.Mo17, pronta a promuovere i prodotti di eccellenza agroalimentare e allo stesso tempo le bellezze storico-artistico-culturali.

Showcooking, degustazioni di prodotti tipici, aperitivi in musica con i panini di Daniele Reponi e laboratori per bambini, ma anche interessanti talk show, si susseguiranno nel corso delle tre giornate.

Il venerdì 29 settembre, alle 17,30 a Palazzo dei Musei, si svolgerà l’incontro dal titolo “Navigando tra cibo e arte del Territorio”, per ribadire l’importanza della relazione cibo-territorio-cultura: tre importanti driver per il rilancio, anche economico, del sistema Italia.

Quest’edizione di Gusti.a.Mo17 sarà per una parte anche itinerante, con le strutture aperte del territorio che tutti gli appassionati di enogastronomia potranno visitare nei due giorni con il “Passaporto del Gusto”, che dà l’accesso presso i produttori inseriti negli appositi percorsi di degustazione studiati con Modenatur, partner della manifestazione insieme al Consorzio Modena a Tavola con i suoi ristoranti.

Si va dalla visita alle Acetaie ai Prosciuttifici, dalle cantine ai caseifici di Parmigiano Reggiano, che nello stesso fine settimana organizzano ‘Caseifici Aperti’.

Modenatur, inoltre, per valorizzare il patrimonio artistico culturale del territorio, ha messo a punto un itinerario –che comunque sarà attivo tutto l’anno – per gustare il meglio della città tra sapori, arte e motori e che abbina il lato culturale della visita a quello degustativo, proponendo anche una visita guidata sulle tracce delle opere d’arte in cui il cibo è protagonista.

Partendo dal complesso monumentale di Piazza Duomo, di cui ricorre il ventennale del riconoscimento come sito Unesco, ai Musei Civici al Palazzo Ducale di Modena, alla Galleria Estense, alla Casa Museo di Luciano Pavarotti, al Museo Enzo Ferrari di Modena. 

 

Credits: evento organizzato con il patrocinio del Comune e della Provincia di Modena, della Regione Emilia Romagna e della Camera di Commercio. Tra i partners, il Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, il Consorzio del Parmigiano Reggiano, il Consorzio del Prosciutto di Modena, il Consorzio Tutela del Lambrusco di Modena, il  Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi, il Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e, new entry rispetto all’edizione 2016, il Consorzio Zampone Modena e Cotechino Modena e il Consorzio Ciliegia di Vignola e il Consorzio di Amarene Brusche di Modena.

 

Fonte: Ufficio Stampa Marte Comunicazione

Potrebbe interessare:

Chinotto, la celebre bibita ora diventa un profumo
A Paestum, i templi della mozzarella
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti