Legambiente e Anas, insieme per la prima volta per “Puliamo il Mondo”

Print Friendly, PDF & Email
Puliamo il mondo

Realizzati gli interventi di rimozione dei rifiuti di alcuni tratti di statali e raccordi autostradali.

25 anni di Puliamo il Mondo, la campagna autunnale di Legambiente per ripulire spazi pubblici dai rifiuti abbandonati. Quest’anno, l’iniziativa ha visto la collaborazione tra Anas e Legambiente, insieme per la prima volta.

La campagna ha previsto gli interventi di rimozione dei rifiuti e pulizia di alcuni tratti o piazzole di statali o raccordi autostradali di competenza Anas. Un’occasione per porre l’attenzione sull’abbandono illegale dei rifiuti sulle strade e sulle piazzole di emergenza, grave fenomeno diffuso sull’intero territorio nazionale.

Il weekend di Puliamo il Mondo è stato quello del 22 – 24 settembre. Per una grande anteprima della campagna, il primo appuntamento è stato mercoledì 20 settembre in Campania, sul Raccordo Autostradale “Salerno-Avellino”. 

Ecco gli altri luoghi dove sono stati realizzati gli interventi.

  • Sicilia, sulla strada statale  640 “strada degli scrittori”.
  • Puglia, sulla SS 379 “Egnazia e delle terme di Torre Canne”.
  • Sardegna, sulla SS 195 “Sulcitana”.
  • Calabria, sulla statale 107 “Silana Crotonese e sulla SS 106 “Jonica”.
  • Lombardia, sulla statale 336 “dell’aeroporto della Malpensa” e sulla SS 36 “del Lago di Como e dello Spluga”.
  • Emilia Romagna, sulla SS 62 “Della Cisa”.
  • Campania, sulla strada statale 7 Quater “Domitiana”, tra Pozzuoli e Mondragone.

Si tratta di un vero e proprio pericolo per la sicurezza della circolazione veicolare, oltre al degrado per la sede stradale e le aree circostanti che ciò comporta. 

La presidente di Legambiente Rossella Muroni ha dichiarato:

Dopo 25 anni di Puliamo il mondo questa collaborazione con Anas è quanto mai importante perché ci consente di portare il nostro intervento anche sulle strade statali. Purtroppo, ancora troppe persone, specialmente al Sud, hanno la pessima abitudine di abbandonare o addirittura lanciare dalla propria auto rifiuti per la strada. Come se le strade fossero micro discariche e non luoghi di transito per la comunità, patrimonio comune e, spesso, anche vie d’accesso a luoghi bellissimi. Confidiamo che la collaborazione con Anas sia l’inizio di una missione comune contro il problema dei rifiuti che affligge le nostre strade e il nostro territorio”. 

 

Info: www.legambiente.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti