Roma, in arrivo il provvedimento di sicurezza urbana

Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento di allontanamento per motivi di sicurezza frutto del decreto Minniti è pronto per essere applicato a Roma. 

Il decreto Minniti, divenuto legge lo scorso aprile, conferisce ‘poteri speciali’ ai sindaci al fine di garantire la sicurezza delle città e nella Capitale sono stati identificati gli 11 quartieri dove saranno applicati: basterà una firma della sindaca per allontanare parcheggiatori abusivi, ambulanti senza autorizzazione e mendicanti molesti.  

Si parte dal I Municipio, che comprende i territori tra le mura aureliane e gianicolensi che sono Patrimonio Unesco, si passa poi alla zona tra piazza Venezia, piazza del Popolo e Fontana di Trevi, e ancora, il Colosseo, i Fori Imperiali e Via Veneto.

La mappa dei quartieri si estende fino al lungomare di Ostia e comprende anche l’area di Viale Marconi, il Pigneto, Trastevere, Tesatccio, Prati, San Lorenzo, Esquilino, Monti e Ponte Milvio.

Come riportato dal Messaggero, la misura scatterà contro chi impedisce la fruizione di uno dei luoghi indicati, limitando “alla cittadinanza la visibilità e percettibilità delle caratteristiche archeologiche, storiche, naturali e culturali, anche in conseguenza di condotte impeditive o oppositive, potenzialmente idonee ad arrecare turbamento alla destinazione del bene tutelato“.

Il funzionamento del provvedimento è molto semplice: dopo la prima infrazione, a cui segue un verbale dei vigili con valore dell’avvertimento, scattano una sanzione dai 100 ai 300 euro  un ordine di allontanamento dal luogo. Alla seconda infrazione viene chiesto alla Questura di diramare un divieto di accesso alla zona per un periodo di sei mesi, solo nel caso in cui la condotta è ritenuta pericolosa per la sicurezza. Tutti i proventi delle multe, come stabilisce la legge, sono da investire in interventi di recupero del degrado urbano.

Fonte: Il Messaggero

Potrebbe interessarti:

Ciampino aeroporto: parte la nuova linea bus

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti