Un sigaro creato con il vino rosso di Montalcino

Print Friendly, PDF & Email

Un riuscito connubio di due produzioni della tradizione italiana: il sigaro toscano e il vino Rosso di Montalcino.

Così si presenta il sigaro “Toscano Originale Millesimato”, prodotto con doppio fermentazione da Manifatture Sigaro Toscano (Mst), e presentato nel corso di un evento che si è svolto nel Macro Testaccio in occasione del vernissage della mostra, promossa dalla Fondazione Maccaferri in collaborazione con la Fondazione Giuliani, “Segnali di Fumo” che rimane, come sottolineato da Gaetano Maccaferri, presidente dell’omonimo Gruppo Industriale che controlla Mst, fino al primo ottobre alla città di Roma e a ingresso libero.

Con questo prodotto nel segno dell’innovazione – sottolinea il presidente – celebriamo due eccellenze della cultura produttiva italiana. Mst ci sta dando grandi soddisfazioni: il fatturato in continua crescita e un record di produzione di oltre 200 milioni di pezzi – oltre il triplo di quanto produce tutta Cuba – indica che stiamo andando nella giusta direzione e speriamo, con questo ultimo arrivato, non solo di stupire i clienti affezionati al sigaro Toscano, ma di conquistarne nuovi. Cresce anche l’appeal internazionale, con le vendite trainate dai Duty Free, e i Paesi di sbocco saliti in un anno da 52 a 70. La Turchia l’ultimo significativo ingresso nella lista dei nostri mercati“. 

Il tabacco Kentucky della Valtiberina, prodotto da 250 microaziende agricole coinvolte tramite accordi di produzione, e del Tennessee viene sottoposto, dopo la prima fermentazione in acqua, a una seconda fase di fermentazione, ma questa volta nelle botti del vino Rosso di Montalcino. Questa innovativa interazione, grazie alle microfermentazioni che attiva, esalta il gusto forte e deciso e le note intense tipiche del sigaro Toscano Originale.

Fonte: ANSA

Potrebbe interessarti:

City Break a Bordeaux
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti