L’uragano Irma raggiunge la Florida

Print Friendly, PDF & Email

È diventato nuovamente forza 4 l’uragano Irma con l’avvicinarsi alla Florida. Lo ha reso noto il National Hurricane Center, che ieri aveva abbassato a tre la categoria del ciclone. 

Milioni le persone evacuate e decine di migliaia le case senza energia elettrica. Ieri sono stati aperti altri 70 rifugi pubblici per chi non ha la possibilità di lasciare lo stato, per un totale di 260, in cui sono state accolte decine di migliaia di persone. Ma non sono sufficienti, come ammettono fonti del governo locale.

L‘occhio del ciclone toccherà la costa occidentale della Florida, non il centro dello Stato come era stato previsto in precedenza, ma date le dimensioni dell’uragano, i suoi effetti colpiranno anche la costa orientale. Saranno quindi Naples, Fort Myers e Tampa ad avere i maggiori problemi.

Irma ha raggiunto l’arcipelago delle Lowes Keys in Florida, come ha annunciato il National Weather Service. La velocità di Irma è di 13 chilometri l’ora. Alle sette (le 13 in italia) si trovava a 24 chilometri sud est dell’arcipelago delle Keys in Florida, secondo un aggiornamento della situazione da parte del National Hurricane service Usa.

L‘uragano proseguirà sulla costa occidentale, per arrivare su parte della Georgia, dove 540mila persone hanno già ricevuto l’ordine di evacuazione, domani pomeriggio. Irma ha già arrecato danni in diverse isole caraibiche, provocando la morte di almeno 22 persone.

Il secondo uragano in movimento nella regione, Jose, sembra aver risparmiato ulteriori danni alle Antille francesi. Le raffiche di vento si sono fermate a 60 chilometri l’ora e le onde non hanno superato i tre metri di altezza.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha invitato a lasciare i luoghi lungo i quali è previsto il passaggio della perturbazione, senza preoccuparsi delle cose materiali. 

Fonte: AdnKronos

Potrebbe interessarti:

Ancora più problemi derivati dall’innalzamento dei mari
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti