Weekend a Siviglia: dove andare

Print Friendly, PDF & Email

 

Avete tre giorni a disposizione per staccare dalla routine quotidiana, dove andate? Siviglia in Spagna, allegra, caliente e colorata. 

Nella città del flamenco sono tanti i negozi dedicati a questa antica e sensuale danza, i musei tematici e gli spettacoli da non perdere. Nel quartiere di Triana, dopo le 23 è possibile assistere a vari spettacoli in strada.

Non si può andare a Siviglia e non visitare Guadalquivir: il fiume navigato dai mercanti provenienti dalle Indie. Lungo il fiume è stato creato il paseo Alcalde Marques de Condadero con prati e panchine dove  riposarsi gustandosi il panorama di Triana, il quartiere dove abitato anticamente da  gitani e marinai. Attraversando il ponte de Isabel II ci sono tantissimi locali dove poter gustare degli ottimi panini al prosciutto. 

Quali luoghi storici e musei visitare a Siviglia in soli tre giorni?

Imperdibile è la Cattedrale gotica, con la torre della Giralda da cui è possibile ammirare tutta Siviglia. C’è poi la barocca Iglesia del divino Salvador, in plaza del Salvador, dove sono da provare i fritti dei due antichi bar tapas che si affacciano sulla piazza. Infine, la recente basilica della Macarena che ospita la statua della Virgen de la Esperenza, a cui i sivigliani sono devoti.

Tra i musei, quello di Bellas Artes, che raccoglie una delle collezioni più importanti di arte spagnola del Paese, con vari capolavori della scuola sivigliana del Siglo de Oro, l’Archivio General de Indias che conserva tutti i documenti dalla Conquista spagnola dell’attuale Sudamerica e, ancora, il Centro de Arte Mudéjar, dove approfondire l’eredità araba nell’architettura cittadina.

Da non perdere, inoltre, la copertura in legno di plaza de la Encarnaciòn, conosciuta come Metropol Parasol, più comunemente la Setas (la zona è piena di locali in soprattutto in Calle Regina) e l’antico Mercado das Feiras, dove è possibile mangiare tapas di pesce fresco a prezzi convenienti.

Potrebbe interessarti:

Bilbao, perla dei Paesi Baschi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti