L’Italia, premium partner del WTM 2017 di Londra

Print Friendly, PDF & Email
L'ITALIA È PREMIUM PARTNER DEL WTM 2017 DI LONDRA

Quest’anno, l’ENIT sarà premier partner al WTM London, un “passo fondamentale” verso una nuova strategia di marketing per il Paese.

L’ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo) sarà Premier Partner al WTM London 2017, l’evento più importante per l’industria turistica a livello globale. Si tratta di un “passo fondamentale” verso una nuova strategia di marketing per l’Italia.

Firmando l’accordo, l’ENIT si assicura un’estesa copertura mediatica, offrendo il massimo supporto all’industria turistica nazionale e promuovendo i diversi prodotti turistici italiani.

ENIT avrà a disposizione due tra gli stand principali della fiera (EU2000EU2070). Condividerà questo spazio espositivo con circa 230 partner italiani tra enti turistici regionali, alberghi, agenzie di viaggio, villaggi e operatori.

LItalia aspira ad ampliare e riposizionare la sua offerta turistica oltre le destinazioni tradizionali attraverso la Premier Partnership. L’occasione servirà per dare risalto ai borghi, tema dell’anno 2017, ed all’enogastronomia, cui sarà dedicato il 2018. 

Il WTM London sarà anche il momento per presentare le risorse culturali dell’Italia, il Paese con più siti Patrimonio UNESCO al mondo, ben 53. 

L’Italia è in cima alla classifica del FutureBrand’s Country Brand Index per Turismo e Cultura ed è il Paese più fotografato su Instagram, con 68,5 milioni di tag (dato aggiornato al 9 ottobre 2017, ndt).

È anche la quinta destinazione al mondo per arrivi internazionali, con 52 milioni di visitatori nel 2016 (il 3,2% in più rispetto al 2015). Questi flussi hanno generato oltre 36 miliardi di euro di entrate per l’economia del Paese.

Le mete favorite dai turisti stranieri sono le città d’arte, come Roma, Milano, Venezia, Firenze, Napoli e Torino. In queste destinazioni, spendono circa 14 miliardi di euro. Invece, gli stranieri che si recano in Italia per passare le vacanze al mare generano una spesa pari a quasi 5 miliardi.

 

Info: www.enit.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti