A Napoli la mostra Pompei@Madre. Materia Archeologica

Print Friendly, PDF & Email

Napoli. Il museo d’arte contemporanea Donnaregina ospita dal 19 novembre 2017 al 30 aprile 2018 la mostra ‘Pompei@Madre. Materia Archeologica’. 

L‘esposizione si basa su un programma nato dalla collaborazione fra Parco Archeologico di Pompei, uno dei più importanti siti archeologici al mondo, e il MADRE-Museo d’arte contemporanea Donnaregina di Napoli, il museo di arte contemporanea della Regione Campania.

La mostra è concepita come un viaggio nel tempo e nello spazio, come un dialogo fra più di 400 straordinari, ma poco conosciuti e raramente esposti, materiali archeologici di provenienza pompeiana e le opere di più di 90 fra artisti e intellettuali moderni e contemporanei: da scrittori come Goethe e Stendhal a artisti come Warhol e Rauschenberg, dalle ceramiche della Real Fabbrica di Capodimonte ai progetti di architetti come Le Corbusier, dagli strumenti di lavoro e dalle foto d’epoca che documentano le varie campagne di scavo fino alle sperimentazioni delle ultime generazioni.

Pompei@Madre. Materia Archeologica evoca un ipotetico museo diffuso in cui percorrere gli oltre trenta secoli di contemporaneità della Campania Felix, riconoscendone il  pervasivo rapporto fra natura e cultura e fra materiale e intellettuale. In mostra passato, presente e futuro si uniscono per raccontare un’unica storia, quella della perdurante contemporaneità della materia archeologica pompeiana, destinata a essere sempre “riscoperta” da ogni nuova generazione.

Credits

Pompei@Madre. Materia Archeologica

A cura di Massimo Osanna e Andrea Viliani con il coordinamento curatoriale di Luigi Gallo per la sezione moderna

Informazioni

Pompei@Madre. Materia Archeologica

Napoli, MADRE-Museo d’arte contemporanea Donnaregina, via Settembrini 79

19 novembre 2017-30 aprile 2018

Sito: www.madrenapoli.it

Fonte: Parco Archeologico di Pompei

Potrebbe interessarti:

 

Ecco gli appuntamenti da non perdere al MoMA di New York

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti