Ospiti stellati alla Leopolda per la II edizione di Vinoè

Print Friendly, PDF & Email

Firenze. Da domenica 5 a lunedì 6 novembre la Stazione Leopolda si trasforma in una maestosa vigna indoor pronta ad accogliere il pubblico alla scoperta di vini e sapori indediti, con guest star che rappresentano la migliore tradizione gastronomica in Italia e nel mondo.

A inaugurare domenica 5 novembre il ciclo di appuntamenti con le Stelle Michelin sarà l’Enoteca Pinchiorri, tristellato tempio della gastronomia con una monumentale cantina. Luca Lacalamita, pastry chef dell’Enoteca, conduce i visitatori attraverso un dolce itinerario fatto di cioccolato e olio a cui si accostano gli inediti abbinamenti vinicoli studiati dai Sommelier FISAR.

L’appuntamento, con il Miglior Maitre d’Italia, Sokol Ndreko, dello stellato Lux Lucis di Forte dei Marmi è per lunedì 6 novembre all’orario di pranzo. Uno spettacolare incontro in cui chef e maitre si esibiscono insieme, per svelare al pubblico i segreti del dietro le quinte che portano a raggiungere il perfetto equilibrio tra sala e cucina.

A seguire il vulcanico chef Cristiano Tomei de L’Imbuto di Lucca (1 Stella Michelin) sarà alle prese con un cooking show divertente e provocatorio sul tema “integrazione”, superando il concetto stesso e fondendo in una sola persona chef e Sommelier.

Spazio anche alle eccellenze internazionali, con tre appuntamenti dedicati alla cucina del Levante. Si parte la domenica con il giapponese Masaki Kuroda, chef del Ristorante Serendepico di Capannori, unico per il modo in cui riesce a combinare in maniera perfetta la cucina di sostanza dell’entroterra toscano, con l’eleganza estetica propria della cucina giapponese. 

Sempre domenica, a seguire, la Luxury Chinese Experience del Fulin, il lussuoso ristorante gestito da Francesco Han e Stefano Dai. Con competenza e passione, i due chef italocinesi portano i loro assaggi d’oriente nel cuore di Firenze. Una cucina che, forte delle materie prime di qualità della Toscana, rivisita in chiave gourmet i piatti della provincia di Pechino, abbinandoli a vini ed etichette tricolore di alto livello, per un’esperienza sensoriale complessa ed estremamente raffinata. A regnare sull’aperitivo è Com Saigon, il primo ristorante vietnamita della città del Giglio. Una cucina agrodolce in cui piccante, dolce e salato incontrano spezie ed erbe aromatiche per regalare piatti leggeri ed equilibrati, espressione di una delle tradizioni culinarie più antiche dell’Asia.

 

Per il programma completo: www.vinoe.it/programma

Info e prezzi:

prevendita online 20 € per i soci, 25 € per il pubblico

acquisto online 25 € per i soci, 30 € per il pubblico

Fonte: Ufficio Stampa Mongini Comunicazione

Potrebbe interessare:

Pasta, eccellenza del Made in Italy
Tre ricette con la zucca tra dolce e salato

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti