I viaggi business e la chiave del successo professionale

Print Friendly, PDF & Email

I viaggi di lavoro sono spesso considerati un’opportunità per crescere: il 37% dei dipendenti li vive come momenti per trovare nuove ispirazioni e il 36% come occasione per imparare cose nuove.

Sono i dati frutto della ricerca condotta da Booking.com Business, che rivela similitudini e differenze tra diversi ruoli, su come vengono percepiti i viaggi di lavoro e sul loro impatto sulla carriera lavorativa.

Un’indagine che ha coinvolto oltre 17.000 partecipanti di 24 paesi diversi per verificare come i viaggi di lavoro siano ormai considerati un elemento chiave nella crescita professionale, con diverse sfumature tra vari ruoli e ambiti.

Oltre la metà (il 51%) degli intervistati conferma che unire svago e business li aiuta a essere più efficienti durante i meeting di lavoro.

Sei professionisti su dieci (il 60%) in tutto il mondo ammettono come scoprire nuove culture e destinazioni sia un valore aggiunto molto gradito, soprattutto nell’ambito dei viaggi e del turismo (per il 69%), di management e consulting (il 68%) e dell’architettura e del design (il 65%).

Inoltre, nonostante i tanti benefici delle nuove tecnologie e le comunicazioni in tempo reale, i meeting di persona non possono essere archiviati: in tutto il mondo, il 66% dei professionisti sottolinea come avere incontri faccia a faccia con i clienti o i colleghi sia essenziale per un business di successo, soprattutto per i consulenti di management (il 78%), per il settore manifatturiero (il 71%), per quello dell’ingegneria e delle costruzioni (il 70%) e per l’agricoltura (il 70%).

“Scoprire culture e destinazioni nuove e ampliare i propri orizzonti sta diventando un elemento imprescindibile dei viaggi business, soprattutto in una realtà dove tutto è collegato e il business si svolge a livello globale. A prescindere dalla professione, chi al giorno d’oggi viaggia per lavoro capisce al volo le opportunità da sfruttare al massimo, sia per l’azienda che per la propria carriera. Il posto dove soggiornare diventa fondamentale e deve rispondere a specifiche richieste e necessità, soprattutto relativamente alla posizione, alla flessibilità e alla presenza di determinati servizi”, conferma Ripsy Bandourian, Senior Director of Product Development per Booking.com Business.

“Grazie ai dati e a milioni di recensioni lasciate dai viaggiatori business, chi prenota per affari può individuare facilmente le strutture consigliate per i viaggi di lavoro, senza dover rinunciare alla flessibilità e alla possibilità di personalizzare la propria esperienza, rispettando la politica aziendale”.

 

Fonte: Ufficio stampa Booking.com Italia

Potrebbe Interessare:

Soggiornare in un ex mulino, la vacanza perfetta
Budapest e le sue due anime lungo il Danubio: dai quartieri antichi alle vie moderne
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti