Da Kandinsky a Cage: a Reggio Emilia la mostra sul binomio arte-musica

Print Friendly, PDF & Email

Il rapporto tra arte e musica è al centro della mostra “Kandinsky → Cage: Musica e Spirituale nell’Arte” dall’11 novembre al 25 febbraio 2018 a Palazzo Magnani di Reggio Emilia. L’esposizione, curata da Martina Mazzotta, coglie l’occasione per celebrare i 20 anni di attività della Fondazione Palazzo Magnani.

L’importanza dello Spirito nell’arte è tra i temi centrali della mostra. Da sempre l’arte è stata la sede di idee universali, ruolo che con il materialismo e il razionalismo cominciava a venire meno. Da qui il ricorso al modello della musica per favorire un ritorno all’armonia dell’individuo con il tutto e alla spiritualizzazione del lavoro artistico.
In “Kandinsky → Cage: Musica e Spirituale nell’Arte” la nozione di interiorità assume particolare rilevanza così come le influenze di Goethe e del wagnerismo a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

La freccia nel titolo indica la direzione per compiere un viaggio polisensoriale nella storia dell’arte e del pensiero” – ha spiegato la curatrice Martina Mazzotta.

L’intreccio tra le dimensioni artistica e musicale è ben rappresentato da Wassily Kandinsky, pittore franco-russo attivo tra il XIX e il XX secolo, precursore della pittura astratta. A Palazzo Magnani sono esposte una cinquantina di opere – tra dipinti, acquerelli e grafiche – che comprendono anche lavori di carattere musicale come gli acquerelli dipinti per spettacoli teatrali e per “Quadri di un’Esposizione” sulla musica di Mussorgskij.

Kandinsky giunse nel 1910 all’Astrattismo Spirituale spostando l’attenzione proprio sull’interiorità, das Geistige in der Kunst (Spirituale nell’Arte) come la chiama il pittore. È qui che prende forma il suono interiore di segni e colori e la libertà dalla materia.

Il percorso espositivo della mostra, lungo il quale sono costantemente presenti accompagnamenti musicali, presenta anche altre sezioni: da Paul Klee a Marianne von Werefkin, grande pittrice legata a Kandinsky e pioniera del pensiero artistico come “rivelazione della vita in termini di colore, forma e musica”.

L’omaggio a John Cage chiude la mostra della Fondazione Palazzo Magnani. Il musicista statunitense presenta analogie con Kandinsky in quanto considera l’arte e la musica unite da un legame forte. Per Cage l’arte costituisce il tramite privilegiato di idee universali. Nella mostra sono presenti installazioni suggestive che ricostruiscono l’ambientazione di grandi teatri consentendo al visitatore di immergersi pienamente nella poetica cageana. In particolare è riprodotto in miniatura il Teatro Romolo Valli di Reggio Emilia che ospita o spettacolo “Ocean” dove lo spettatore viene avvolto da “onde” musicali provenienti da diversi punti dell’installazione.

Il forte glorioso valoroso Bogatyr’ Ivan Carevič, figlio dello zar Vjačeslav Andronovič, monta il lupo grigio, porta l’uccello di fuoco e la bellissima Elena sul cavallo dalla criniera dorata Autorizzazione della censura marzo 1887 Litografia colorata, 334 x 436 mm Collezione A. Milano

Credits: Fondazione Palazzo Magnani;
a cura di Martina Mazzotta

Mostra
Kandinsky → Cage: Musica e Spirituale nell’Arte

11 novembre 2017 – 25 febbraio 2018

Palazzo Magnani, Reggio Emilia

Orari
Dal martedì al giovedì 10-13/15-19
venerdì, sabato e festivo 10-19 – lunedì chiuso

Biglietti
intero €12
ridotto €10
studenti €6

Info
www.palazzomagnani.it

Potrebbe interessarti:

A PALAZZO MAGNANI DI REGGIO EMILIA ARRIVANO CAGE E KANDINSKY

mostra Konrad Magi Roma 10 ottobre

MOSTRE, GLI APPUNTAMENTI DA NON PERDERE IN AUTUNNO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti