Firenze, le Gallerie degli Uffizi festeggiano il centenario della Rivoluzione Russo con una mostra su Ejzenštejn

Print Friendly, PDF & Email

Si tiene dal 7 novembre al 7 gennaio 2018 la mostra “Ejzenštejn. La rivoluzione delle immagini” alle Gallerie degli Uffizi.  L’esposizione nasce per ricordare i cento anni dalla rivoluzione socialista in Russia attraverso le opere grafiche di uno dei più grandi rivoluzionari della cultura del Novecento.  

La multiforme attività del regista, teorico e strenuo disegnatore Sergej M. Ejzenštejn (Riga, 1898 – Mosca, 1948) fu per il mondo delle immagini ciò che la sollevazione del 1917 fu per gli assetti sociali, politici ed economici dell’impero russo (e non solo), con in più la capacità di durare nel tempo, ispirando generazioni di artisti.

La mostra presenta i molteplici aspetti del talento di Ejzenštejn in un percorso che unisce l’attività del disegnatore a quella del cineasta, trovando uno speciale filo conduttore nel riferimento all’arte italiana del tardo Medioevo e del Rinascimento.

Grazie al disegno di puro contorno, la mostra è anche un osservatorio privilegiato sul concetto ejzenštejniano di montaggio, in primo luogo per l’attitudine della figurazione a smembrarsi e ricomporsi secondo “montaggi” che aprono a significati sempre nuovi, ma soprattutto per il valore di una grafica che va apprezzata nel suo dispiegarsi in sequenze, secondo strisce da definirsi davvero “cinematiche”. 

«La tecnica del disegno basato sul puro contorno – scrive Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi – naturalmente richiama il periodo di massima fioritura di quella formula grafica, ovvero il periodo neoclassico, che coincide con quello della corrente filosofica dell’idealismo tedesco e quindi anche hegeliana, che fu adattato da Ejzenštejn dopo l’arrivo in Messico.».

Anche il materiale cinematografico di Ejzenštejn è stato allestito in mostra in funzione di un suggestivo rimando all’arte del passato e alle idee sul montaggio. Da un lato, infatti, le proiezioni mescolano dettagli e scene di Sciopero, La corazzata Potëmkin, Aleksandr Nevskij e degli altri capolavori ejzenštejniani ad alcuni particolari tratti da l’Adorazione dei Magi e da l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci e da La Battaglia di San Romano di Paolo Uccello, svelando significative assonanze. Dall’altro, i film costruiranno un tragitto per raccontare visivamente il montaggio, in un “crescendo” che dalle singole e veloci inquadrature presenti nella prima sala conduce ai frame della seconda, fino alle sequenze compiute che animano la terza e la quarta. La quinta sala è una sorta di approdo della carriera e della vita del cineasta, con le ultime meditazioni in grafica che si abbinano per contrasto alle immagini ironiche e quotidiane dell’uomo Ejzenštejn, colte da una serie di video d’archivio scelti e assemblati per l’occasione.

Credits

La mostra a cura di Marzia Faietti, Pierluca Nardoni, Eike D. Schmidt, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con le Gallerie degli Uffizi, la Fondazione Cineteca di Bologna, l’Archivio Statale di Letteratura e Arte di Mosca (RGALI), il Museo Statale delle Belle Arti “A.S. Puškin” e Firenze Musei.

Informazioni:

Ejzenštejn

La rivoluzione delle immagini

Firenze, Sale di Levante, Gallerie delle Statue e delle Pitture degli Uffizi

7 novembre 2017 – 7 gennaio 2018

Orario

martedì – domenica ore  8.15 – 18.50; la biglietteria chiude alle 18.05

Biglietto:

intero € 12.50

ridotto € 6.25 per i cittadini dell’U.E. tra i 18 e  i 25 anni

Fonte: Civita

Potrebbe interessarti:

Nuove tariffe delle Gallerie degli Uffizi, sconti e agevolazioni per i visitatori abituali

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti