India: il giallo della morte del principe Alì

Print Friendly, PDF & Email

Un giorno Sole, Luna e Vento uscirono a cena con gli zii Tuono e Saetta. La loro madre Stella, una delle più lontane nel cielo, restò sola ad aspettare il ritorno dei figli.

Quando rientrarono la madre, che aveva vigilato su di loro tutta la notte, chiese: ” Figli miei, cosa mi avete portato?” Sole rispose: “Io non ti ho portato nulla. Sono uscito per divertirmi con i miei amici, non per procurare la cena a mia madre“. Vento: ” Nemmeno io ti ho portato nulla, madre. Non puoi aspettarti che ti porti un assortimento di prelibatezze quando sono uscito per soddisfare il mio piacere“. Ma Luna disse: “Prendi un piatto madre. Guarda cosa ti ho portato” e scrollandosi le mani fece cadere una varietà di cibo come non si era mai vista prima.

Stella si rivolse a Sole:Che tu sia maledetto, d’ora in avanti i tuoi raggi saranno roventi e gli uomini ti odieranno, mentre tu Vento soffierai quando il clima è caldo e arido, facendo seccare e avvizzire ogni creatura vivente“. Ma a Luna: “La luce pura dei tuoi raggi non sarà accolta da occhiate timorose e gli uomini ti chiameranno per sempre benedetta“.

Si tratta di un’antica fiaba indiana, terra ricca di fascino, tradizioni e misteri. E nelle ultime settimane una misteriosa morte nobiliare è finita sulle cronache di tutto il mondo.

Un principe è stato trovato morto agli inizi di settembre nella sua dimora nei boschi di New Delhi. Il corpo esanime del principe Cyrus, al secolo Alì Raza, ultimo erede della dinastia indiana di Nawaz gli ex regnanti di Oudh è rimasto esposto alle intemperie per tre giorni nella residenza reale di caccia del XIV secolo chiamata Malcha Mahal, dove il principe aveva vissuto dalla metà degli anni ’80 con madre, sorella, una dozzina di cani labrador e sei servitori nepalesi.

Il principe Alì Raza

Secondo un guardiano il principe si trovava su uno dei tanti tappeti persiani unico arredo lussuoso all’interno di questa abitazione nobiliare fatiscente, con i soffitti usurati dalla pioggia, porte e finestre divelte. Ricoperto da alcune foglie i resti di un pasto mai consumato.

La tragica fine di Alì si ricollega alla misteriosa storia della famiglia e della residenza secolare nascosta tra piante di rovi e rampicanti lungo la Sardar Patel Marg. 15 anni fa la madre del principe si suicidò in questa abitazione, Sua altezza Begum Wilayat Mahal, presunta pronipote del Nawab di origine persiana Wajid Ali Shah.

Secondo una delle interviste concesse dal principe Alì, sua madre Begum ingoiò a 62 anni una bevanda mischiata alla polvere dei diamanti di un’antica collana di famiglia. All’epoca fece molto scalpore che Alì e sua sorella, la principessa Sakina, c’era anche un terzo fratello pare morto in gioventù per problemi di depressione, dormirono per alcune settimane vicino al corpo senza avvertire nessuno.

Su ordine delle guardie seppellirono la nobildonna nel giardino, lasciandole indosso tutti i suoi gioielli, riprendendoli dopo poco per sopravvivere dopo che qualche ladro aveva cercato di depredare la tomba.

La madre divenne celebre negli anni ’70 quando si occupò per protesta con figli, servitori e cani feroci la sala d’aspetto della stazione di Delhi, da lei arredata con antichi tappeti e candelieri. La famiglia visse in quel luogo per diverso tempo fino a quando Indira Gandhi concesse loro la casa di Delhi, senza acqua corrente né luce elettrica.

Begum Wilayat Mahal, madre del principe Alì

Dopo la morte della sorella, avvenuta alcuni mesi fa forse per cause naturali, il principe Alì si è chiuso sempre più in se stesso, smettendo di frequentare la moschea ed elemosinando cibo per strada. 

Credits: la fiaba “Quando Sole, Luna e Vento uscirono a Cena” è contenuta nella raccolta La Tigre, il Bramino, lo Sciamano” edito da Elliot

Potrebbe interessarti:

Archeologia: lo smalto dei denti per scoprire gli ultimi mesi di vita di una madre e di un bambino vissuti 27000 anni fa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

L’Albero della Natività a Cortona

Nel periodo delle festività natalizie sarà possibile ammirare  una serie di straordinarie sculture lignee, nella scenografica piazza Duomo di Cortona. Le opere sono state realizzate ...
Vai alla barra degli strumenti