Mercatini di Natale: dove andare in Italia

Print Friendly, PDF & Email

 

I mercatini di Natale, un’usanza tipica dei Paesi della Mitteleuropa, sono diventati ormai tradizione anche qui in Italia. Nel nostro Paese, però, restano aperti fino al 6 gennaio, il giorno dell’Epifania che, come si suol dire “tutte le feste si porta via”.

Il Trentino Alto Adige, essendo più vicino all’Austria, è la regione italiana molto più attiva tantissimi sono i mercatini qui organizzati, tra cui quelli di Rovereto, Bolzano, Bressano, Trento e Vipiteno. Ma anche le altre regioni si stanno piano piano allineando.

In Liguria, a Genova in Piazza Sarzano, si tiene il Mercatino di San Nicola, molto particolare perché è a tema medievale. L’appuntamento è dal 2 al 23 dicembre con gli artigiani del Mercatino di San Nicola, dove è possibile vedere all’opera dal burattinaio allo scultore, circondati da tanti stand dedicati alle specialità alimentari.

Nel savonese, a Finale Ligure, va in scena fino al 7 gennaio GiuEle, il Villaggio di Natale. L’evento ha sede nella vallata di Calvisio, lungo l’antica via romana Julia Augusta. In particolare, Babbo Natale accoglie i bambini nella sua casa. Allestiti laboratori ludico-didattici e tante attrazioni, come la pista di pattinaggio su ghiaccio ecologico, la città in miniatura, l’ottovolante di Babbo Natale, i pony games e il trenino Tartaruga Express, che collega il Villaggio con Finalborgo, uno dei borghi più belli d’Italia.

L’offerta dei Mercatini di Natale include artigianato, prodotti tipici liguri e classici dolci natalizi, oggetti di tendenza e molto altro. GiuEle, il Villaggio di Natale, è aperto fino al 21 dicembre, dalle 10 alle 20, solo durante il weekend. Dal 22 dicembre al 7 gennaio, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 20, mentre venerdì 8 dicembre il Villaggio accoglie  gli ospiti tutto il giorno dalle 10 alle 20.

Sulla riviera di Levante, a Levanto (SP), il Villaggio degli Elfi di Babbo Natale apre al pubblico l’8 Dicembre. Dalla Casa di Babbo Natale, che accoglie grandi e piccini, al laboratorio degli elfi, fino al villaggio dove è ospitato l’imperdibile mercatino di Natale con commercianti, artigiani, spettacoli e animazioni.

Altra regione molto attiva sono le Marche: si comincia a Candelara il 25 novembre con un mercatino natalizio fatto di oltre 70 casette in legno e lo spegnimento programmato della luce artificiale che lascia il posto alla sola illuminazione con le candele.

Il 26 novembre, a Frontone parte la XVI edizione di “Nel Castello di Babbo Natale” con il suo mercatino con espositori di qualità, castagne e vin brulé, musica soffusa, il trono di Babbo Natale sul quale i bambini possono fare foto ricordo, il tutto allestito all’interno del Castello risalente all’anno Mille.

A Mombaroccio il caratteristico mercatino di artigianato natalizio apre il primo weekend di dicembre. L’8 dicembre si apre l’edizione 2017 di Cioccovisciola a Pergola,  la tradizionale festa del cioccolato, della Visciolata e della pasticceria natalizia dove i mercatini dedicati alla cioccolata e ai dolci natalizi affiancano quelli più tradizionali di oggettistica ispirata allo spirito del Natale, così come anche l’esibizione di artisti di strada.

Per chi vuole andare a caccia di regali nelle città d’arte: a Torino i mercatini si svolgono dal 4 al 23 dicembre nel cortile del Maglio; a Firenze ci sono il mercatino in Piazza Santa Croce e la mostra mercato Florence Noël,  alla stazione Leopolda, con un villaggio del cioccolato; a Roma oltre al famoso mercatino di Piazza Navona (dal 2 dicembre al 6 gennaio), c’è l’originale mercato dell’usato  Vintage Market al Circolo degli Artisti il 21 dicembre, infine Napoli, patria del presepe, ospita il famoso mercatino di via San Gregorio Armeno, nel cuore di Spaccanapoli.

Se volete invece andare all’estero e siete alla ricerca di un mercatino sui generis, ecco un’infografica con i mercatini più alternativi d’Europa:

Potrebbe interessarti:

Un Natale tra elfi e demoni in Valle Aurina: tra Campo Tures e Lutago

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti