Nebraska: sì all’oleodotto Keystone XL

Print Friendly, PDF & Email

Con 3 sì e 2 no, le autorità del Nebraska hanno dato il permesso finale per iniziare la costruzione del Keystone XL, il controverso oleodotto di 1897 km che collegherà il Canada alle raffinerie americane, fortemente voluto dal presidente Donald Trump, ma avversato dagli ambientalisti.

L’oleodotto verrà costruito dalla TransCanada Corp, probabilmente a partire dal prossimo anno, a meno che i ricorsi legali già preannunciati non blocchino l’infrastruttura. Di recente un falla apertasi nel controverso Keystone Xl ha versato una quantitativo di 5000 barili di petrolio nel territorio South Dakota.

Barack Obama, sull’onda delle proteste ambientaliste, aveva negato nel 2015 l’autorizzazione evocando i timori legati al cambio climatico, ma Donald Trump ha revocato la sua decisione. La decisione arriva quattro giorni dopo il grave incidente ambientale causato nel vicino South Dakota da un oleodotto gestito dalla stessa societa’, da cui sono fuoriusciti 800 mila litri di petrolio.

L’autorizzazione è stata concessa dalla Public Service Commission, una commissione formata da quattro repubblicani e un democratico. In base alla legge del Nebraska, a tale organismo non e’ consentito prendere in considerazione la sicurezza dell’oleodotto e i rischi di fuoriuscite quando decide su un permesso.

Fonte: ANSA

Potrebbe interessarti:

Stati Uniti. La guerra degli oleodotti, Sioux contro Cowboy
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Viaggi di lusso: la nuova ricerca di AIGO

AIGO, società di consulenza in marketing e comunicazione specializzata in turismo, trasporti e ospitalità, presenta i risultati della quinta edizione di “Viaggi di lusso: le tendenze ...
Vai alla barra degli strumenti