Sulla Ferrovia del Tanaro arriva il Treno di Natale

Print Friendly, PDF & Email

Ormea. Grande attesa sulla Ferrovia del Tanaro per il Treno di Natale, che partirà l’8 dicembre, per una giornata all’insegna del divertimento, della buona cucina e dello spirito natalizio.

L’evento sarà un vero e proprio tuffo nelle atmosfere di un tempo grazie all’affascinante locomotiva a vapore e ai caratteristici vagoni Centoporte, ma anche un’immersione nella natura incontaminata della Valle Tanaro, storico corridoio di passaggio tra Piemonte e Liguria, dove il respiro del mare incontra le prime vette alpine che superano i 2500m di quota.

Partenza dalla città di Mondovì, gioiello artistico e culturale del Basso Piemonte, e arrivo a Bagnasco in basse valle, per un’anticipazione dell’affascinante Presepe Vivente che animerà il piccolo borgo il 24, il 26 e il 27 dicembre prossimi.

Trasferimento successivo in autobus nella vicina città di Ormea, incastonata tra rocce e montagne ad 800m di altitudine, per un pranzo con i prodotti tipici, la visita ai tradizionali mercatini di Natale e la coinvolgente accensione dell’albero.

Un’esperienza imperdibile per tutta la famiglia, resa possibile grazie al progetto “Binari senza tempo”, promosso dalla Regione Piemonte in collaborazione con la Fondazione Ferrovie dello Stato e l’Unione Montana Alta Valle Tanaro.

Una valorizzazione olistica ed eterogenea dell’intera area, insomma, che testimonia l’importanza strategica che le ferrovie turistiche rivestono per lo sviluppo di un territorio come quello valtanarino, l’unico dell’intero Nordovest italiano a potersi oggi fregiare di una ferrovia turistica ufficialmente riconosciuta.

 

Posti in esaurimento. Per informazioni e prenotazioni, si rimanda al sito www.piemontevic.com

Ulteriori contatti: info@piemontevic.com / Tel 0173.223250

Fonte: Ufficio Stampa Ferrovia Turistica Ceva – Ormea

Potrebbe interessare:

Novembre è il mese migliore per prenotare le vacanze di Natale
La magia del Natale a Vienna
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti