“On the road. La Via Emilia” in mostra

Print Friendly, PDF & Email

Reggio Emilia. La mostra “On the road. La Via Emilia, 187 a.C. 2017” apre i battenti questo sabato 25 novembre, presso il Palazzo dei Musei. Appunto per celebrare la Via tracciata nel 187 a.C. da Marco Emilio Lepido, il console romano che giocò un ruolo fondamentale nel dare forma istituzionale al Forum che da lui poi prese il nome di Forum o Regium Lepidi.

Quello a cui assisterà il visitatore è più una riflessione a 360 gradi sulla storia della Via Emilia, sul suo Fondatore e sul significato dell’importante arteria nella contemporaneità.

Reggio Emilia è l’unica città della regione che conserva nel proprio nome il ricordo del suo fondatore; e la regione Emilia-Romagna è probabilmente l’unica al mondo a derivare il proprio nome da quello della strada su cui si impostava l’intero popolamento del suo territorio.

Perché quello che lega Marco Emilio Lepido alla Via Emilia e al capoluogo di Reggio Emilia è decisamente un percorso lineare: un uomo, il suo nome, la sua strada, una città.

Si narra che una volta sgominati Celti e Liguri, decise la costruzione di una lunghissima strada che collegasse le colonie di Rimini e Piacenza: una strada che avrà alterne fortune nel corso dei secoli ma che non sarà mai abbandonata.

La mostra si sviluppa nelle tre sedi di Palazzo dei Musei, Palazzo Spalletti Trivelli e Museo Diocesano e in altri luoghi del centro storico coinvolti a vario titolo nel circuito tematico della mostra.

Ma la mostra vera e propria è ospitata nel Palazzo dei Musei, un percorso che coinvolge l’intero edificio con installazioni, ricostruzioni 3D, proiezioni e l’esposizione di oltre 400 reperti provenienti da importanti musei nazionali e da collezioni della città che illustrano le sette aree tematiche: L’Emilia prima dell’Aemilia, Via Emilia-SS9, Marco Emilio Lepido e la sua città, Ruote zoccoli e calzari, La buona strada, Racconti per l’eternità, Est modus in rebus.

L’allestimento, curato dall’architetto Italo Rota, punta a restituire alla sensibilità contemporanea i preziosi reperti archeologici esposti, inserendoli in ricostruzioni virtuali dell’antica strada romana e contestualizzandoli con l’aiuto di spezzoni di celebri film peplum. 

Si può così rivivere l’affascinante storia della Via Emilia attraverso le vicende dei suoi protagonisti mentre una serie di installazioni multimediali, sovrapponendo la Via Emilia storica a quella contemporanea, consentono di cogliere con immediatezza persistenze, differenze e analogie.

 

Credits: la mostra è promossa dai Musei Civici di Reggio Emilia, dal Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l’Emilia-Romagna e dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, con il contributo di Credem e Iren e il patrocinio di Anas. A cura di Luigi Malnati, Roberto Macellari ed Italo Rota.

Informazioni utili:

On the road. La Via Emilia, 187 a.C. – 2017

Palazzo dei Musei, Reggio Emilia

Biglietti: intero 5 euro  –  ridotto 3 euro 

Orari: dal martedì al venerdì 10.00-13.00  –  sabato, domenica e festivi 10.00-19.00 – lunedì chiuso  Sito: www.musei.re.it

Fonte: Sbarcheo Ufficio Stampa

Potrebbe interessare:

Bologna: la principessa della cultura
A Bologna si trova il più grande cimitero ebraico di Italia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Gli Uffizi volano negli USA

Gli Uffizi in trasferta negli Stati Uniti: dal 18 novembre fino al 21 gennaio il Cleveland Museum of Art accoglie la mostra ‘Renaissance Splendor: Catherine ...
Vai alla barra degli strumenti