Viaggio nel cuore della Transilvania

Print Friendly, PDF & Email

  • Brasov
  • Castello di Dracula
  • Cluj Napoca

La Transilvania è uno tra i posti più misteriosi d’Europa, situata in Romania ai piedi dei monti Carpazi, è celebre per essere la dimora del terribile Conte Dracula. La Regione fu abitata da Magiari, Tedeschi e Ebrei il cui passaggio ha lasciato evidenti tracce nell’architettura, ma anche nella cultura e nella gastronomia.

Caratterizzata da paesaggi naturali mozzafiato, conserva al suo interno preziosi borghi , come Brasov, dove il tempo sembra essersi fermato all’epoca medievale. Sin dal Duecento i coloni sassoni fortificarono queste città conosciute come ‘Siebenburgen’: oltre a Brasov, ancora intatte sono Sibiu, Sighisoara, Cluj Napoca, Bistrita, Sebes e Medias.

Le enormi mura, le torri e le varie opere di fortificazione hanno protetto per secoli queste città, soprattutto dalle incursioni degli ottomani. Tra i tanti castelli medievali nascosti nei boschi della Transilvania, il più famoso è il Castello di Dracula, misterioso e suggestivo anche grazie alla sua architettura gotica, alle alte torri e alle mura bianche, costruito nel XV secolo in posizione dominante sul villaggio di Bran.

Da non perdere anche il castello di Corvinesti vicino a Hunedoara e la Fortezza di Rasnov costruita nel 1300 dai Cavalieri Teutonici.

In Transilvania ci sono i bellissimi paesi di Viscri, Calnic, Darjiu, Harman, Prejmer e Biertan, con chiese fortificate sassoni dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Per gli amanti della natura e delle escursioni tappe obbligatorie sono il Parco Nazionale Retezat, al confine tra la Transilvania e l’Oltenia, e il Parco naturale dei Monti Apusei abitati da specie protette di animali. Da non perdere, inoltre, la Grotta di Scărişoara dove si trova il più grande ghiacciaio sotterraneo del continente. 

Brasov

Brasov è la principale città della Transilvania per importanza culturale e commerciale e si trova a 170 chilometri da Bucarest. È possibile raggiungerla  dal vicino aeroporto di Sibiu, dall’aeroporto di Targu Mures o dall’aeroporto di Bucarest. 

Fondata dai cavalieri teutonici nel 1211 e fortificata dai Sassoni, la cittadina, dallo spirito bohèmienne, è un labirinto di stradine, guglie gotiche e facciate barocche, circondata dai Carpazi e da boschi rigogliosi.

Le mura che la circondano furono costruite nel XV secolo: alte 12 metri, lunghe 3 chilometri e con 7 bastioni e  proteggono la più grande chiesa gotica della Romania, la Chiesa Nera, la Strada Rope o Sforii, la più stretta d’Europa che collega via Cerbului con via Poarta Schei, la Cattedrale di San Nicola e Piazza del Municipio, o Piata Sfatului, circondata da strutture barocche e case mercantili con al centro il Museo di Storia.

Da Brasov ci si può spostare facilmente alla volta di altri hot spot della Trasnsilvania: a 15 chilometri a sudovest di Brasov si trova la Fortezza di Rasnov, a 25 chilometri il Castello di Dracula, a 6 chilometri a nord la chiesa fortificata di Harman e, poco distante, la chiesa fortificata di Prejmer. 

Il Castello di Dracula

A poca distanza da Brasov si trova il castello di Bran, più comunemente conosciuto come il Castello di Dracula: la fortezza più famosa e visitata della Transilvania.

L’edificio venne costruito su di una parete rocciosa all’interno di una stretta gola intorno al ‘300 da Ludovico I D’Angiò come posto di guardia. 

L’architettura del Castello di Bran si è evoluta nel corso dei secoli anche se lo stile gotico è preminente ed è reso ancora più suggestivo e misterioso dalle scalinate tortuose, dalle camere a graticcio, dai passaggi sotterranei e dalle alte torri.

Il castello è diventato famoso grazie all’opera horror gothic di Bram Stoker, Dracula, anche se  in realtà il castello di Bran con il personaggio storico associato al conte Dracula, ovvero Vlad l’Impalatore, ha un legame debole: nei territori intorno al Castello il feroce imperatore ha combattuto alcune battaglie nel XV secolo. Oggi il castello al suo interno ospita il Museo di arte medievale e online si possono acquistare i biglietti per un tour al suo interno (https://www.romaniaturismo.it/transilvania/il-castello-di-dracula/).

Cluj Napoca

Salendo a nord-ovest si trova Cluj Napoca l’antica capitale della Transilvania. Una cittadina giovane e vivace che ospita la più grande comunità ungherese del Paese. L’architettura di questa cittadina è molto variegata sono presenti monumenti di epoca medievale (il Bastione dei Sarti o Bastione Bethlen, la chiesa benedettina dal Monostor, la chiesa gotica San Michele), rinascimentale (la chiesa gotica protestante senza campanile, la casa di Mattia Corvino, il Museo della Farmacia, la statua di San Giorgio che uccide il drago), barocca (la chiesa francescana, il palazzo Banffy sede del museo dell’arte), il monumento liberty a Mattia Corvino. La maggior parte dei palazzi del centro sono in stile liberty.

Poco distante da qui c’è l’inusuale Cimitero Allegro, con le sue tombe umoristiche, che si rifanno alla cultura delle antiche popolazioni che abitavano questi luoghi, i Daci.

Gastronomia

La cucina rumena è fatta di sapori decisi che spaziano dall’agrodolce all’aspro, soprattutto nelle zuppe di carne e nelle minestre di verdura. Da provare la mamaliga, un pasticcio di mais che si serve con formaggio di capra o altri ingredienti come uova o le tochitura, polpettine di fegato di pollo e di carne di maiale. Gli antipasti, i gustari, sono particolarmente saporiti, tra questi la Salata de vinete tocate (melanzane alla fiamma), e le icre negre, uova di carpa trasformate in una salsa gustosa. Tra i piatti unici c’è il ghiveci, fatto con verdure con bocconcini di maiale, cotti al forno, mentre tra i dolci la placinta, impasto di pane a cui si aggiunge marmellata di mele o frutta fresca, e le Cozonac, dolcetti fatti con semi di papaveri, uvetta, canditi e noci.

Potrebbe interessarti:

Fuga di tre giorni: un weekend a Vienna
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti