Un weekend autunnale alla caccia dei tesori di Barcellona

Print Friendly, PDF & Email
Collage Copertina Barcellona

Perdetevi per una passeggiata tra i profumi di castagne e patate dolci arrosto nella città dalle mille sfaccettature.

Numerosi i viaggiatori che scelgono l’estate o la primavera per la loro vacanza nella capitale catalana. Tuttavia vogliamo consigliarvi di non escludere le altre stagioni per organizzare la vostra visita.

Anzi, grazie al clima mite, le poche precipitazioni e i pochi turisti, andarci in autunno è un’ottima idea. Anche l’inverno, che non è mai freddissimo, è un buon momento per andare alla caccia dei mille tesori nascosti a Barcellona

Centro di Barcellona in autunno

© canariasetourism.net

Al momento, però, tocca godersi l’autunno. Cosa può esserci di meglio che farlo tra i profumi di castagne e patate dolci arrosto dei venditori che popolano le strade mentre vi lasciate andare tra le infinite possibilità che offre questa meravigliosa città? 

Se volete staccare dalla routine e ricaricarvi di energia, ma solo avete due o tre giorni a disposizione, vi presentiamomust imperdibili per la vostra fuga a Barcellona. 

Venerdì:

Appena arrivati in città, vi consigliamo di andare nel Barri Gòtic alla scoperta delle graziose strade e vicoletti del quartiere, interamente pedonale.

Amanti della fotografia, qua scoprirete il paradiso degli ottimi scatti mentre vi divertite giocando con le luci e le ombre. Ma non solo. Questo è anche il luogo ideale per quelli che, semplicemente, vogliono godersi di una splendida passeggiata all’aperto.

Barri Gotic, Barcellona

© foundtheworld.com

Come tappa imperdibile, la visita alla Cattedrale di Barcellona, conosciuta come la Cattedrale di Sant’Eulalia o La Seu, costruita tra il XIII ed il XV secolo. 

È una delle attrazioni principali della città e forse l’esempio più noto dell’architettura gotica catalana. Dall’ampio portone accederete all’ampia e particolarmente alta navata, illuminata dai giochi di luci che entrano dalle grandi vetrate.

A pochi minuti a piedi troverete il quartiere La Ribera, in cui non potete perdere la visita alla Basilica di Santa Maria del Mar, costruita tra il 1329 e il 1383, un altro esempio del gotico catalano puro.

Basilica de Santa Maria del Mar, Barcellona

© www.santamariadelmarbarcelona.org

Oltre all’aspetto architettonico, sono anche tante le possibilità per chi ama la vita notturna. Dalle sale per i giovani che vogliono andare a ballare ai numerosi locali in cui assaporare un buon cocktail accompagnato da una buona musica live. 

Tra questi ultimi, l’Harlem Jazz Club, con tanti e diversi eventi musicali sempre in programma.

Perdetevi nei sapori catalani grazie all’ampia offerta di ristoranti in zona, tra cui la Vinateria del Call, con abbondanti tapas ed ottimi vini spagnoli.

Sabato:

Per iniziare la seconda giornata nel migliore dei modi, una camminata sulla Rambla: l’ampio viale pedonale che va dal centro di Barcellona fino al lungomare. Qui vivrete al meglio l’anima della città tra milioni di artisti di strada, bancarellai, negozi di souvenir e prodotti tipici locali e tantissimi ristoranti e bar. 

La passeggiata vi porterà alla scoperta di luoghi caratteristici imperdibili, come lo storico Cafè de l’Òpera, ottima scelta per la colazione o un piccolo spuntino prima di continuare il giro.  

Cafè de l'Òpera, Barcellona

© elviajero.elpais.com

Anche La Boqueria, classico fra i classici, è un luogo ideale per prendere qualcosa da mangiare al volo, anche se ci sono alcuni locali con tavolini in cui potrete sedervi per fare una piccola sosta. 

Dolci, caramelle, frutta fresca, buonissime centrifughe e non solo. Potete anche gustare veri e propri piatti tradizionali o da tante altre parti del mondo. Avrete l’imbarazzo della scelta per sceglierne solo uno, ci sono opzioni per tutti i gusti!

Strada facendo arriverete al cuore di Barcellona: la vivace Plaça de Catalunya. Il luogo ideale per gli amanti dello shopping, turisti e non, grazie ai diversi centri commerciali e i numerosi negozi che ci sono, anche quelli delle maggiori marche. 

Plaça de Catalunya, Barcellona

© www.barcelonacheckin.com

Se cercate un ambiente più particolare in cui fare compre, bastano due fermate di metropolitana per arrivare ad uno dei mercati più spettacolari d’Europa, Els Encants.

Una meraviglia architettonica, aperta quattro giorni a settimana, con più di 270 negozi in cui troverete di tutto: prodotti nuovi e usati, oggetti antichi e da collezioni, oltre ad una vasta offerta di locali in cui riposarsi e pranzare con calma dopo questa lunga mattinata come esploratori.

Tra gli imperdibili, lo Stop & Mos, con un’ampia varietà di piatti locali e pinchos, fatti in casa ed a base di cibo ecologico, oppure El Bar del Paco, con buonissime tapas, sempre fatte in casa.

Non ci siamo scordati degli amanti della cultura, anche perché l’offerta culturale della città è infinita e ci sono tanti eventi e mostre in calendario. Ecco due must per un vero e proprio pomeriggio culturale: 

  • Disseny Hub Barcelona. Il celebre museo del design ospita numerose mostre permanenti e temporanee durante tutto l’anno.
  • Museu d’Història de Catalunya. Gli appassionati della storia, anche i più piccoli, potranno immegersi nella tradizione e la storia della Catalogna visitando questo museo. Salendo sul terrazzo, potrete godervi di una meravigliosa panoramica della città e del mare per terminare la giornata.

Se non vi siete stancati dopo la lunga giornata di visita, potete sempre divertirvi nei tanti locali notturni della città. Utilizzando la Barcelona Night Card, potrete accedere gratuitamente alle molte discoteche della città aderenti all’iniziativa. 

Domenica:

Avete ancora a disposizione alcune ore per andare alla scoperta delle meraviglie di Barcellona. Tra queste, non potete perdere la Sagrada Família, maestosa ed accogliente, ammirandola già in anticipo dalla passeggiata lungo la Avinguda Gaudí

Avinguda Gaudí, Barcellona

© www.ainb.net

Amanti dell’architettura e non, lasciatevi coinvolgere da quest’opera d’arte ammirando i giochi di luci che si producono grazie alle grandi vetrate e tutti gli accurati dettagli del monumento. 

Tra le altissime torre e colonne, che ancora attendono di essere completate, c’è la possibilità di salire sulla torre della basilica con un piccolo supplemento. Da qui potrete godervi di una panoramica privilegiata sulla città

Un’altra tappa imperdibile per gli amanti dell’arte e dell’architettura, è il Recinto Modernista Sant Pau, molto vicino alla Sagrada Familia. DichiaratO Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 1997.

Si tratta dell’opera modernista più grande d’Europa, all’interno del quale c’è l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau.

Sant Pau, Barcellona

© www.todobarcelona.org

A poca distanza dalla famosa basilica, andando verso sud, arriverete al Parc de la Ciutadella, costruito sugli antichi terreni della fortezza cittadina (La Cittadella), a immagine e somiglianza dei Giardini del Lussemburgo di Parigi.

Uscendo dal parco, arriverete al classico Arc de Triomf, di stile mudejar ed interamente realizzato in mattoni rossi. Fu realizzato dall’architetto Josep Vilaseca i Casanovas in occasione dell’Esposizione Universale del 1888. 

Per un pranzo tipico vi consigliamo di andare da Ca la Nuri. Il famoso ristorante, in un locale sulla spiaggia, offre piatti a base di pesce ed un’atmosfera unica.

Tra le specialità catalane, la paella, il riso al forno o le sardine con pa amb tomàquet (il tipico pane con aglio e pomodoro). Da leccarsi le dita!

Prima di ripartire, non potete dimenticare la visita al Park Güell, riflesso della pienezza artistica di Gaudì. L’iconico parco è circondato dalle opere d’arte del genio modernista catalano. 

Rimarrete a bocca aperta, soprattutto dopo aver visto la stupenda panoramica che offre su tutta la città.

Park Guell, Barcellona

© erasmusu.com

 

Info: Ufficio Stampa Catalunya

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti