A Bologna la mostra René Paresce. Italiani a Parigi

Print Friendly, PDF & Email

Bologna. Si tiene presso il Museo e l’Oratorio di Santa Maria della Vita dal 7 dicembre 2017 al 25 febbraio 2018, la mostra René Paresce. Italiani a Parigi. Campigli, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini, Tozzi,  a cura di Rachele Ferrario.

La mostra che si sviluppa negli spazi espositivi del Museo e Oratorio di Santa Maria della Vita, si basa sulle ricerche filologiche e storico artistiche sulle opere di Paresce e del gruppo de LesItaliens condotte negli ultimi quindici anni.

La curatrice Rachele Ferrario ha selezionato 73 opere che raccontano la storia della sfida lanciata da Les Italiens nell’ambiente artistico parigino, già attraversato dalle avanguardie e dal rappel à l’ordre, con una pittura che guarda alla tradizione italiana e la reinterpreta in una dimensione classica e onirica. I protagonisti del gruppo furono alcuni tra gli inventori più sorprendenti della mitologia e di un’arte legata all’idea di mediterraneità.

La mostra ricostruisce la storia espositiva del gruppo quando è stato possibile con le stesse opere delle esposizioni parigine del gruppo. La sezione dedicata a René Paresce propone una scelta di dipinti(oli su tela e gouaches) e disegni, mentre la parte sul gruppo degli Italiani a Parigi, una selezione di opere di de Chirico, de Pisis, Severini, Campigli, Tozzi, Savinio, provenienti da importanti collezioni pubbliche (Fondazione Boschi Di Stefano – Museo del Novecento a Milano, Mart a Rovereto).

Gli Italiani di Parigi furono importanti anche per il ritorno al mestiere che praticarono non solo in teoria ma anche nella pratica di utilizzo di tecniche pittoriche.

La mostra è stata l’occasione per studiare questo aspetto importante per la ricerca scientifica condotta con analisi di laboratorio specifiche sulle opere di alcuni dei protagonisti del gruppo – de Chirico, Savinio, De Pisis, Severini, Campigli e lo stesso Paresce.

Le analisi sono state condotte da Gianluca Poldi (Centro delle Arti Visive, Università di Bergamo), che ha analizzato i dipinti delle raccolte del MART di Rovereto e della Casa-Museo Boschi Di Stefano di Milano.

Le analisi, del tutto rare in queste occasioni, hanno consentito di comprendere meglio le peculiarità tecniche dei diversi artisti, dai materiali impiegati ai metodi realizzativi, dal disegno sottostante la pittura alle variazioni in corso d’opera, ottenendo informazioni assolutamente nuove e di particolare rilievo, in specie quelle sui fratelli de Chirico, su Severini e Paresce, permettendo di indagare le novità tecnico-espressive e gli aspetti della poetica veicolati dalle scelte tecniche.

L’ambiente parigino ha favorito – già sulla scorta dell’eredità delle avanguardie e forse soprattutto di Modigliani – lo sviluppo di alcune peculiarità tecniche che differenziano le ricerche di molti di questi autori da quelle del gruppo di Novecento e di altri pittori italiani coevi.

La mostra si avvale di un Comitato Scientifico composto dal Presidente di Genus Bononiae Fabio Roversi Monaco, dalla Direttrice dei Musei Civici Veneziani, Gabriella Belli, dal direttore del Mart di Rovereto, Gianfranco Maraniello, dallo storico dell’arte Enrico Crispolti e Francesco Paresce.

Informazioni:

René Paresce. Italiani a Parigi. Campigli, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini, Tozzi

Bologna, Santa Maria della Vita
Via Clavature 8/10

7 dicembre 2017– 25 febbraio 2018

Orario:

Da martedì a domenica 10.00 – 19.00

la biglietteria chiude un’ora prima

Aperture straordinarie

Venerdì 8 dicembre 2017 10.00 – 19.00

Domenica 24 dicembre 2017 10.00 – 16.00

Lunedì 25 dicembre 2017 10.00 – 19.00

Martedì 26 dicembre 2017 10.00 – 19.00

Domenica 31 dicembre 2017 10.00 – 16.00

Lunedì 1 gennaio 2018 10.00 – 19.00

Sabato 6 gennaio 2018 10.00 – 19.00

Intero – ingresso incluso nel biglietto Museo e Oratorio€ 6

Ridotto – ingresso incluso nel biglietto Museo e Oratorio€ 4

Fonte: Museo della Città di Bologna

Potrebbe interessarti:

A Roma la mostra: ‘VOGLIA D’ITALIA Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano’

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti