Dickens e il magico Natale in mostra a Londra

Print Friendly, PDF & Email

Onorerò il Natale nel mio cuore e cercherò di tenerlo con me tutto l’anno.

Chi di noi non ha mai letto o sentito parlare di “A Christmas Carol“  (Canto di Natale) di Charles Dickens?  Pochi, sicuramente.

E questo perché esiste un connubio molto stretto tra il Natale e lo scrittore britannico.

“A Christmas Carol” è un romanzo breve di genere fantastico, scritto nel 1843.

E si tratta del libro più importante della serie dei “Libri di Natale” (The Christmas Books), un gruppo di storie che include anche “Le campane” (The Chimes, 1845), “Il grillo del focolare” (The Cricket on the Hearth, 1845), “La battaglia della vita” (The Battle for Life, 1846) e “Il patto col fantasma” (The Haunted Man, 1848).

In un certo senso non è blasfemo affermare che Dickens abbia inventato il Natale, o almeno il Natale come lo conosciamo oggi e come è vissuto, specialmente nel Regno Unito.

Prima di questo bestseller internazionale, scritto in sole sei settimane, il Natale in Gran Bretagna era celebrato in maniera semplice e riservata, senza la gioia, il colore e l’allegria che ormai da più di un secolo caratterizza le festività natalizie. Basti pensare che il semplice augurio di ‘Buon Natale’, Merry Christmas in inglese, è stato usato per la prima volta proprio in uno dei dialoghi del libro.

La storia

Il romanzo è uno degli esempi di critica di Dickens verso la società vittoriana ed è anche una delle più famose e commoventi storie sul Natale mai scritte.

La storia è quella di Ebenezer Scrooge, avaro proprietario di una piccola azienda, la cui occupazione principale è aumentare il suo capitale: a Natale si trova solo, dopo aver respinto l’invito del nipote a festeggiare insieme.

Di notte, gli appare il fantasma del suo socio defunto, che fra orribili rumori di catene e soffi di vento gelido, lo ammonisce a diventare generoso. Gli appaiono poi tre spiriti: quello del Passato, quello del Presente e quello del Futuro.

Il passato di Scrooge risulta composto da una serie di occasioni mancate; il presente non è neppure vissuto; il futuro si preannuncia triste, solitario e senza speranza.

Scosso da questa serie di apparizioni e dallo sguardo critico che queste lo hanno costretto a gettare sulla sua vita, il di Paperon de’ Paperoni dell’Ottocento si risolve a mutare atteggiamento: il giorno dopo darà un aumento al suo impiegato e per Natale festeggerà con il nipote e la sua famiglia.

Scoprirà così che essere generosi con il prossimo e non essere attaccati al guadagno a ogni costo dà molto in cambio: scalda il cuore e attrae l’affetto degli altri.

La mostra a Londra

In occasione dell’uscita nelle sale del film “Dickens: l’uomo che inventò il Natale”, prevista per i 21 dicembre, il museo di Charles Dickens a Londra ospita la mostra dal titolo “A ghost of an idea: unwrapping a Christmas Carol”, che racconta la genesi dell’omonima opera dello scrittore.

Oltre 200 i reperti e gli oggetti esposti che includono le incisioni originali e gli schizzi realizzati a mano da John Leech per la prima edizione nel 1843, le prime bozze della storia, i copioni per lo spettacolo teatrale e le copie presentate da Dickens ai suoi amici.

Si può così ammirare il primissimo volto di Ebenezer Scrooge, diventato poi il simbolo dello spirito anti-natalizio. Accanto a documenti originali, locandine decorate, manifesti, volantini, pubblicità e costumi d’epoca.

Esposti anche i costumi originali del film, vari oggetti usati dalla produzione e la ricostruzione di alcuni set del film diretto da Barath Nalluri e interpretato da Dan Stevens (attore britannico noto soprattutto per il ruolo di Matthew Crawley nella serie televisiva “Downton Abbey” e per aver prestato il volto alla bestia ne “La bella e la Bestia”), Christopher Plummer, Jonathan Pryce.

La mostra è accompagnata anche da un ricco programma di eventi a tema natalizi, durante il quale la casa-museo di Dickens sarà decorata con addobbi e finiture natalizie. Tra questi, fiere d’artigianato, feste al lume di candela e serate musicali con Christmas Carol, canti natalizi e visite guidate a tema.

Un appuntamento da non perdere e perfettamente in tema per chi ha deciso di trascorrere il Natale a Londra.

 

Informazioni utili della mostra:

“A Ghost of an Idea: Unwrapping A Christmas Carol”

Charles Dickens Museum, 48 Daughty Street, Holborn, Londra WC1N 2LX

Fino al 25 Febbraio 2018

Orario: Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00

Biglietti: intero £ 8.00 (incluso nel biglietto di ingresso al museo)

Potrebbe interessare:

Un weekend a Londra nel periodo natalizio
Londra: i luoghi di Virginia Woolf
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti