Elio e le storie tese, stasera il concerto d’addio a Milano

Print Friendly, PDF & Email

Milano. Elio e le Storie tese sono pronti a concludere la loro carriera in grande stile, dopo 37 anni di successi, hit radiofoniche provocatorie e tour imprevedibili.

Questa sera, martedì 19 dicembre, al Mediolanum Forum di Assago – Milano (ore 21) si terrà il loro Concerto d’Addio, subito sold out.

Sul palco: Elio (voce), Faso (basso), Cesareo (chitarra), Christian Meyer (batteria), Jantoman (tastiere), Diego Maggi (tastiere), Paola Folli (voce) e Mangoni (artista a sé).

“Sì” – dice la band – “il concerto di domani è davvero il concerto d’addio degli EelST. Sarà una grande festa, quasi tre ore di musica, con una scaletta costruita a partire dalle preferenze espresse dai fan, che hanno votato le canzoni sulla pagina Facebook della band. No: non sarà l’ultimissimo concerto degli EelST”.

Elio e le Storie Tese saranno in gara con il brano “Arrivedorci” al 68° Festival di Sanremo, il loro quarto e ultimo festival della canzone italiana. Commentano: “Perché, se si sciolgono veramente, vanno in gara al Festival di Sanremo? Per vari motivi. Intanto perché Claudio Baglioni li ha invitati a presentare una canzone. E se gli EelST gliel’hanno mandata è perché, dopo due piazzamenti al secondo posto (1996; 2013) e una rispettabile ma non abbastanza dodicesima posizione nel 2015, si sono voluti regalare un ultimo tentativo di raggiungere l’obiettivo di sempre: arrivare penultimi al Festival di Sanremo. L’inedita “Arrivedorci” è piaciuta. Il percorso verso il diciannovesimo posto è ufficialmente iniziato”.

A inizio del 2018 uscirà l’ultimo progetto discografico di Elio e le Storie Tese che conterrà anche il singolo “Licantropo vegano” e l’ultimo inedito, il brano sanremese.

Dal 20 aprile saranno in tour in tutta Italia con il Tour d’Addio, per raggiungere tutti i fan che non sono riusciti a partecipare al Concerto d’Addio.

 

Fonte: Askanews

Potrebbe interessare:

Natale a Milano
Milano, i musei aperti nel periodo natalizio
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti