I regali di Natale piacciono agli hacker

Print Friendly, PDF & Email

La corsa ai regali di Natale che tanto può stressare i consumatori entusiasma non una ma almeno due categorie di persone: i commercianti e gli hacker.

Che si facciano online o nei negozi tradizionali, gli acquisti natalizi fanno gola anche al crimine informatico che sta prendendo sempre più di mira i Pos, i sistemi di pagamento di negozi e rivenditori online.

A evidenziare la tendenza è un dossier di Kaspersky Lab dal quale emerge che nell’ultimo anno più di tre aziende su quattro (77%) hanno subito un qualche tipo di attacco informatico. 

Ad aumentare, dicono gli esperti, sono state in particolare due tipologie di minacce: gli attacchi di tipo DDoS, che mirano a “intasare” i server della vittima, e quelli che sfruttano le vulnerabilità dei terminali Pos, i sistemi attraverso cui si paga con la carta negli esercizi commerciali, ma anche quelli “virtuali” con cui si fanno pagamenti nei negozi online o sulle piattaforme di e-commerce. 

Di casi che hanno fatto notizia durante l’anno ce ne sono stati diversi: ad esempio le violazioni dei Pos subite negli Usa dai ristoranti della catena Chipotle o dai negozi di abbigliamento “Forever 21”.

Secondo l’indagine Kaspersky gli attacchi DDoS e sui Pos sono aumentati in un anno del 16%. Insomma, secondo il parere dei ricercatori informatici, qualunque cosa stiano pianificando i cybercriminali in questo periodo caldo per gli acquisti “è molto probabile” che per gli attacchi utilizzeranno proprio queste due tipologie di violazione.

I criminali potrebbero sfruttare un attacco DDoS con l’obiettivo di chiedere un riscatto o per fare concorrenza sleale a un’azienda. Oppure potrebbero scegliere di utilizzare i sistemi Pos come punto di ingresso per attacchi mirati a delle compagnie o per rubare credenziali e denaro ai clienti.

Fonte: ANSA

Potrebbe interessarti:

Natale 2017 meno regali, più viaggi e lenticchie
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti