Scoprire la Francia e il Belgio con la guida ‘sentimentale’ di Roberto Giardina

Print Friendly, PDF & Email

Non si fa un viaggio. Il viaggio ci fa e ci disfa, il viaggio ci inventa.

 David Le Breton

Attraverso la Francia (senza dimenticare il Belgio). Una Guida Sentimentale” non è un’altra guida sulla Francia, ma un racconto dei territori francesi e belgi, fatto di storia, arte e cultura. La penna è quella di Roberto Giardina, giornalista e scrittore, nato in Sicilia successivamente trasferitosi in Germania, profondo conoscitore dell’Europa e della sua storia.

Edita da Bompiani-Giunti, questa guida sentimentale non impone itinerari, ma narra, quasi come una sorta di diario di bordo, le storie che hanno definito l’identità di questi posti. Giardina usa un tono cordiale e piacevole mai pedante per descrivere luoghi partendo da suggestioni visive o da vicende storiche. Ecco che le immagini di un film o di un quadro diventano un ponte tra passato e presente, tra finzione artistica e realtà, stabilendo un legame profondo con i territori.

Il risultato? Un testo nuovo e originale che è più di tutto un invito a viaggiare, a essere viaggiatori “lenti” nell’epoca della velocità e del turismo di massa, a osservare ed esplorare territori e posti, vivendo a pieno l’esperienza del viaggio perché:

non si viaggia, non sempre, seguendo un percorso logico, il più comodo, il più opportuno. Si va avanti e si torna indietro seguendo un gioco di riflessi tra il presente e quello che avvenne un anno, o un secolo fa.“. (Giardina R. Attraverso la Francia, senza dimenticare il Belgio. Una guida Sentimentale, Firenze, Giunti/Bompiani, 2017, p.8)

Così si parte dalla Costa Azzurra, nello specifico dall’antica via consolare Julia Augusta, il cui tracciato venne seguito da Napoleone per aprire l’attuale Grande Corniche. Qui, tra le altre curiosità citate, Hitchcock girò nel 1955 Caccia a Ladro con la bellissima Grace Kelly e l’affascinate Cary Grant.

Si arriva poi nella Valle del Rodano, dove si trovano la magica Lione e l’incantevole Arles dove Van Gogh a 35 dipinse “La Notte Stallata” per giungere in Provenza, magari nei luoghi dove visse Nostradamus o nel castello del celebre Marchese de Sade. Ci sono poi la Corsica, patria di Napoleone, i Pirenei, l’Atlantico, la Loira con i suoi tanti castelli, i vigneti della del Bordeaux e della Champagne.

poi il capitolo dedicato alla capitale francese, Parigi, e quello più vasto sul Belgio, un Paese da scoprire, sicuramente non noioso se lo si viaggia attraverso la storia, come sostiene l’autore.

Ognuna delle dodici sezioni che compongono il libro è corredata da informazioni utili per i viaggiatori e dai meravigliosi acquerelli di Alessandra Scandella.

Potrebbe interessarti:

Francia: nasce oui sncf per l’acquisto dei biglietti per tgv

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti