Il Friuli Venezia Giulia e le proposte del calendario extra sci per vivere la montagna

Print Friendly, PDF & Email

Friuli Venezia Giulia. Sono le racchette da neve a far da padrone tra le proposte extra sci dell’inverno sulle montagne friuliane, dalle escursioni più semplici a quelle per i più allenati e preparati a maggiori dislivelli, fino alle romantiche e suggestive passeggiate al chiaro di luna.

Non mancano però uscite sulla neve con le fat bike, visite sui luoghi della Grande Guerra nelle zone montane e soprattutto attività pensate per i bambini e le loro famiglie.

Appuntamenti con le ciaspole:

I venerdì delle ciaspole sono appuntamenti consigliati per i principianti.

Da gennaio al 16 marzo a Sauris e Forni di Sopra le guide naturalistiche dell’AIGAE e sullo Zoncolan i maestri della scuola Ski Academy accompagnano i partecipanti alla scoperta della wilderness che distingue questo lembo di Alpi e Dolomiti, Patrimonio mondiale dell’UNESCO, attraverso itinerari semplici che consentono di cogliere il fascino della montagna più autentica a contatto con una natura incontaminata e selvaggia. 

Non presentano difficoltà alpinistiche ma sono riservate a partecipanti più allenati e in grado di sostenere dislivelli tra i 600 e i 1000 metri le escursioni con racchette da neve organizzate a Tarvisio, Sella Nevea, Pontebba, Malborghetto Valbruna, secondo appuntamenti domenicali previsti fino all’8 aprile che si alternano con giornate Free Ride con guida alpina a Sella Nevea. Sono itinerari scelti tra i percorsi più interessanti e spettacolari della zona. 

Richiedono l’impegno di un’intera giornata le ciaspolate in quota sulle Alpi Carniche e Dolomiti Friulane. Sono organizzate nel fine settimana a Paluzza, Paularo, Sauris, Forni Avoltri dal 5 gennaio al 18 marzo secondo un calendario che prevede ogni volta itinerari diversi. 

Il fascino della neve di notte si può assaporare con le ciaspolate serali e notturne a Ravascletto, Sauris, Forni di Sopra.

Sono semplici escursioni accompagnate da guide e consigliate a tutti, in cui le sfumature del tramonto sono il preludio di un’esperienza ancora più suggestiva: la magia dell’ambiente innevato in notturna. Si svolgono fino a marzo secondo un calendario che ruota tra le tre località.

Altre attività:

Un altro modo per vivere la neve è quello con la fat bike. Tarvisio, Sella Nevea, Malborghetto Valbruna propongono escursioni accompagnate in fat bike su percorsi innevati adatte a tutti, dai 14 anni in su, della durata di due ore.

E ancora Sutrio propone il suggestivo Zoncolan con la fat bike, praticabile tutti i giorni con l’accompagnamento di un maestro MTB.

Per gli appassionati di storia si ripetono anche quest’anno le visite Tarvisiano e Carnia – La Grande Guerra in montagna.

Dal fondovalle fino alle cime delle Alpi Giulie e Carniche, i soldati della Grande Guerra furono protagonisti anche lungo questo tratto di fronte, caratterizzato da enormi difficoltà logistiche e da condizioni di vita non semplici.

Lo si può scoprire tutti i sabati fino a marzo al Parco Tematico Grande Guerra “Abschnitt Saisera” di Valbruna oppure l’11 e il 18 febbraio partendo da Forni Avoltri lungo il Lago Volaia, un itinerario che prevede l’uso delle ciaspole.

Sempre in Carnia, sullo Zoncolan e a Sauris, è prevista fino ad aprile l’attività “Al galoppo sulla neve” dedicata a chi ha già molta familiarità con l’equitazione e vuole praticare questa disciplina in un contesto diverso.

 

Per conoscere tutte le attività proposte e per avere tutte le informazioni anche sulle prenotazioni si rimanda al sito www.turismofvg.it. 

Fonte: Ufficio Stampa PromoTurismo Friuli Venezia Giulia

Potrebbe interessare:

I piaceri della montagna senza gli sci
Alla scoperta della Liguria con le ciaspole
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Le origini della festa di San Valentino

La festa degli innamorati, San Valentino, è una festività cristiana che nacque in sostituzione dell’antico rito pagano della fertilità celebrato a Roma a febbraio. Questo ...
Vai alla barra degli strumenti