L’eterna fiesta e allegria dell’Uruguay

Print Friendly, PDF & Email

Tra avvistamenti di balene e sfilate di Carnevale, l’Uruguay è la meta ideale per le coppie in luna di miele o per quelle che desiderano festeggiare il loro anniversario.

Incastonata tra i giganteschi stati del Brasile e dell’Argentina, l’Uruguay è considerata oggi la Svizzera dell’America Latina per la poca corruzione, la molta sicurezza e l’altissima qualità della vita.

Il grande fermento culturale, la disponibilità e l’allegria del popolo uruguayano hanno fatto quadruplicare le visite straniere negli ultimi anni, offrendo ai turisti un clima di fiesta continua che non ha nulla da invidiare a quella degli altri paesi sudamericani.

Ecco cosa vedere assolutamente in Uruguay.

Montevideo    

Montevideo è la capitale dell’Uruguay e ospita quasi la metà della popolazione (3 milioni e mezzo in tutto).

E’ un vero e proprio tripudio di palazzi Art Déco che contendono lo spazio ai grattacieli, fatiscenza affascinante che nella zona vecchia ricorda L’Avana, con teatri e localini dove si tira la milonga fino al mattino.

 

Nella capitale, assolutamente da visitare il Museo del Gaucho y de la Moneda, dove potrete ammirare una collezione di oggetti legati alla vita dei gaucho, i mandriani sudamericani; e il Museo Garibaldi, dedicato all’eroe dei due mondi che in Uruguay visse per nove anni. Il museo è stato ricavato nella casa che Garibaldi abitò con Anita.

Tra le cose da fare, non perdetevi il mercato del Puerto, imponente struttura in ferro battuto che ospita un’infinità di parillas (chioschi di carne asada con cucina a vista). Qui potrete assaggiare i loro famosissimi asados e il mate, la bevanda nazionale dell’Uruguay.

Accanto al mercato, è nato da poco il Museo del Carnevale, l’evento più popolare con sfilate di carri allegorici al ritmo tribale di Candombé e Murga.

Punta dell’Este e Cabo Polonio

Punta dell’Este  è considerata la Montecarlo del Sudamerica nonché uno dei luoghi più mondani dell’intero pianeta.

Le spiagge sono uniche e meravigliose, e da luglio a settembre si possono ammirare le balene franco-australiane.

Se Punta dell’Este è all’estremità, Cabo Polonio si trova dall’altra parte. Ed è un luogo tranquillo, ricco di dune di sabbia che si possono esplorare sia in auto che a piedi.

Qui sotto al faro oziano i leoni marini e intorno fanno comparsa posadas colorata e amache.

Colonia del Sacramento 

Tornate indietro nel tempo andando a Colonia del Sacramento, situata lungo la foce del Rio del Plata.

Colonia del Sacramento incarna tutto lo spirito latino ed è una città medievale ferma nel tempo, con i suoi vicoli di ciottoli che accoglievano i bordelli.

A mezz’ora di nave da Buenos Aires, la città è il posto più antico dell’Uruguay, creato dai portoghesi nel 1680 e diventato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Parco Nazionale di Santa Teresa 

Tra la Laguna Negra e la costa di Punta del Diablo, sorge questo luogo tranquillo, ideale per la vita selvaggia.

Il bellissimo parco nazionale di Santa Teresa (di proprietà dell’esercito), è una immensa distesa di palme e pini, circondato da bellissime spiagge, come Playa Grande.

All’interno del parco, merita una visita la Fortaleza de Santa Teresa, splendido esempio di architettura militare di fine ‘700 costruita su quelle che erano terre di confine tra i domini portoghesi e spagnoli.

Cucina

La cucina uruguayana è un mix perfetto tra stili culinari diversi.

La tradizione locale si è fusa perfettamente con quelle spagnola e italiana. Tra i piatti tipici da gustare, la carne d’agnello condita unicamente con sale.

Altro piatto da provare assolutamente è il bue alla creola: la carne cuoce lentamente assieme alla verdura ed è allo stesso tempo sostanzioso e leggero, visto che i grassi sono limitati e non fritti.

Informazioni utili:

Documenti: per entrare in Uruguay è richiesto il passaporto, mentre non è necessario il visto d’ingresso per turismo, se la permanenza non supererà i 90 giorni.

Quando andare: il periodo migliore per visitare il Paese è tra dicembre e aprile.

Come arrivare: sono due i principali aeroporti dell’Uruguay, quello di Montevideo e quello di Punta Del Este. Per entrambi le destinazioni non esistono voli diretti dall’Italia. Quasi tutti i collegamenti passano per il Brasile.

Fuso orario: 3 ore indietro rispetto all’Italia, che diventeranno 5 se partite quando nel nostro Paese è in vigore l’ora legale.

Lingua: spagnolo.

Moneta: la moneta ufficiale è il Peso uruguayano.

 

Potrebbe interessare:

L’eterna fiesta e allegria dell’Uruguay
Patagonia: wedding ai confini del mondo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti