Libri da leggere in inverno: le uscite di gennaio

Print Friendly, PDF & Email

Anno nuovo, libri nuovi. E a gennaio tante le nuove uscite che troverete in libreria.


Ecco le novità del mese:

“L’ora più buia. Maggio 1940”, di Anthony McCarten 

Nei giorni drammatici in cui le inarrestabili armate tedesche si impossessavano dell’Europa occidentale e sembravano pronte a sferrare il colpo finale contro la Gran Bretagna, nella sala del Gabinetto di guerra Churchill meditava seriamente sulla possibilità di avviare trattative di pace con Hitler.

Con “L’ora più buia” lo scrittore e sceneggiatore Anthony McCarten ricostruisce gli eventi di quelle settimane, mostrandoci una diversa immagine di Winston Churchill. In queste pagine viene descritto come un uomo lacerato dal dubbio e quasi schiacciato dal peso della responsabilità.

“Il segreto di Falkner”, di Mary Shelley

Inedito romanzo dell’autrice di Frankenstein, sbarcato finalmente in Italia dopo 180 anni di oblio. Nel cimitero di un paese della Cornovaglia la piccola orfana Elizabeth Raby riesce a scongiurare il suicidio di John Falkner, un uomo tormentato dal proprio passato.

Questi, grato alla bambina, decide di adottarla. Nel corso degli anni aumenta l’affetto reciproco fra i due, ma gli eventi e un nuovo personaggio, il giovane Gerard Neville, di cui Elizabeth si innamora e che nutre sentimenti di vendetta nei confronti di Falkner, riaprono le ferite che affossano John.

Elizabeth si impegna nel difficile compito di salvare il padre e di rimanere contemporaneamente accanto all’amato Gerard. Centrale in questo romanzo dai tratti romantici e gotici la figura della donna, eroina vittoriana in anticipo sui tempi. Per saperne di più, rimandiamo alla nostra recensione.

 

“Bastardi in salsa rossa”, di Joe R. Lansdale

Una nuova avventura per Hap Collins e Leonard Pine, la celebre coppia texana di investigatori privati creata da Joe R. Lansdale.

In questo romanzo si ritrovano a indagare sull’omicidio di Jamar, un ragazzo di colore dalla brillante carriera da studente. La pista che si dipana appare immediatamente pericolosa: la giovane vittima aveva infatti iniziato a investigare su un poliziotto che si era avvicinato a sua sorella minore, rimanendo coinvolto suo malgrado in losche vicende di agenti corrotti e combattimenti illegali fra cani.

Lansdale restituisce l’ennesima avvincente storia ambientata nell’America più dura, dove è ancora la violenza a fare da padrona.

“La straordinaria famiglia Telemachus”, di Daryl Gregory 

USA, anni Sessanta. Teddy Telemachus, un affascinante truffatore con un dono per i «giochi di mano», entra con l’inganno in un segreto programma governativo sulle persone dotate di speciali «poteri», e qui incontra la bella e dolce Maureen McKinnon.

E non sono solamente gli splendidi occhi blu di Maureen, ad affascinare inesorabilmente Teddy, ma soprattutto la mente di lei. Maureen, infatti, è davvero dotata di poteri psichici enormi e misteriosi. I due due si sposeranno, avranno tre figli, tutti e tre «dotati», e diventeranno la «Straordinaria Famiglia Telemachus».

“Il grande Grabski”, di Marco Rinaldi

Si ride di gusto dalla prima all’ultima pagina in questa grottesca e bizzarra parodia di terapia psicanalitica. Il protagonista è Maurizio, un tranquillo quarantenne senza troppe ambizioni, che ha grandi abilità in cucina e che non sembra avere particolari disturbi.

Ma la moglie Francesca è convinta che Maurizio debba ritrovare il vero sé e lo costringe ad affidarsi alle cure del dottor Grabski, luminare freudiano (o lacaniano o junghiano, a seconda dei momenti) estremamente stravagante. Sotto l’improbabile guida del caotico Grabski, Maurizio stravolge la propria vita: litiga con i propri genitori, divorzia dalla moglie, perde il lavoro e si ritrova sempre più solo.

Ma non tutto sembra arrivare per nuocere, anzi. Rinaldi propone un romanzo fresco, con dialoghi dalla comicità brillante, che ricorda al lettore l’utilità di ridere un po’ di più nella vita.

“La grande truffa”, di John Grisham 

John Grisham è tornato. Gli studenti Mark, Todd e Zola si sono iscritti alla scuola di legge di Washington con le migliori intenzioni e il sogno di cambiare il mondo una volta ottenuta la sospirata laurea.

Dopo anni di sacrifici e false promesse di un lavoro sicuro, capiscono che con ogni probabilità non riusciranno mai a passare l’esame di avvocato. Ma forse c’è una via d’uscita: devono lasciare subito gli studi, fingere di avere i titoli per praticare la professione di avvocato, eleggendo il Rooster Bar, dove si incontrano abitualmente, a loro quartier generale. È un’idea completamente folle, o no?

“La campana non suona per te”, di Charles Bukowski 

Questo libro rappresenta la scoperta di uno spettacolare inedito bukowskiano. Il ritorno del Vecchio Sporcaccione, indimenticabile cantore dell’America on the road, tra alcol, scommesse, sesso ed emarginazione.

Consigliato a chi non ha mai letto i libri di Bukowski e a chi ne ha nostalgia.

 

Potrebbe interessare:

Edgar Allan Poe, non solo maledetto
Viaggio nei luoghi di Stephen King
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti