Matrimonio in Basilicata

Print Friendly, PDF & Email

 

Se volete organizzare un matrimonio in un luogo suggestivo e allo stesso tempo originale la Basilicata (o Lucania) è il posto adatto per voi! Questa regione incastonata tra Campania, Puglia e Calabria offre paesaggi mozzafiato apprezzati da grandi registi come Pasolini e Rossellini. Inoltre, le tante culture che vi hanno abitato hanno lasciato le loro tracce nella gastronomia, nelle tradizioni e nell’architettura.

Di grande interesse sono sicuramente i siti archeologi e le varie testimonianze di civiltà antiche, come i resti degli antichi greci di Metaponto sulla costa ionica sede di numerosi scavi e di  pineta dove immortalare i primi romantici e indimenticabili attimi da marito e moglie.

Molto suggestivo anche il matrimonio a Matera, capitale della cultura europea 2019, dove non mancano location originali o classiche, come l’incantevole Masseria Fortificata San Francesco. Per non parlare della bellissima Maratea.

Terra ricca di storia e cultura, dove le tradizioni di civiltà diverse ancora vivono, come nel caso di alcune usanze legate al giorno delle nozze, come il rituale del matrimonio con gli alberi, un rituale antichissimo scelto da coppie che rifiutavano il matrimonio con rito tradizionale.

La ragione del connubio con gli alberi è da ricercarsi nell’eterna coniugazione tra la fecondità di madre terra e quella della donna, e nella possibilità che quest’ultima possa assorbirne le capacità di dare vita.

In Basilicata il simbolo dell’albero è fortemente radicato nella cultura e alcuni gesti compiuti ancora oggi dagli sposi lucani lo dimostrano. Ad esempio, nel comune di Tricarico in provincia di Matera, i neo sposi devono passare, dopo la cerimonia, sotto un albero di gelsi.

A Matera dopo la denominazione longobarda era in uso il Morgengab, o dono del mattino che il marito faceva alla moglie in segno di ringraziamento per l’avvenuta consumazione del matrimonio. Il Morgengab era una specie di dote che il marito dava e che sarebbe servita anche in seguito ad una eventuale vedovanza. 

Un’altra usanza lucana è il corteo matrimoniale che vede lo sposo partire dalla sua abitazione circondato da un gruppo di amici, seguito da un gruppo di donne festose che circondavano la sposa. Entrambi i cortei erano preceduti da tamburellate, per richiamare l’attenzione del vicinato. A fine funzione i due sposi venivano festeggiati dalla folla con confetti e chicchi di grano. Il corteo procede fino alla nuova casa, dove la suocera accoglie la nuora porgendole doni e dolciumi.

Potrebbe interessarti:

Wedding in Guatemala, il paese dell’eterna primavera
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti