In North Carolina, nelle location del film “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”

Print Friendly, PDF & Email

“Tre manifesti a Ebbing, Missouri”, a detta di molti, è il film dell’anno. Candidato a ben sette statuette, tra cui quella per il miglior film.


Le altre nomination all’Oscar sono per i tre attori più significativi, cioè Frances McDormand, Woody Harrelson e Sam Rockwell, e per il regista, Martin McDonagh, in corsa in quanto autore della sceneggiatura. 

Frances McDormand è Mildred Hayes, una donna di 50 anni la cui figlia viene brutalmente uccisa. Non vedendo riscontri da parte delle autorità locali, decide un giorno di dare battaglia al corpo di polizia locale poiché ritiene che sia maggiormente interessato a perseguire la gente di colore piuttosto che a condurre l’indagine.

Così per lanciare la provocazione, affitta tre grandi cartelloni pubblicitari piazzati, uno in fila all’altro, in una delle strade che entrano in paese. Un atto che avrà molte conseguenze…

Anche se il film è ambientato in Missouri, “Tre manifesti” è stato girato a Sylva, una cittadina di 2500 abitanti del North Carolina, ai piedi delle meravigliose Great Smoky Mountains, in piena ambientazione Appalachi.

Sylva è anche prossima alla riserva dei Nativi Indiani Cherokee Indian Reservation.

Il suo downtown é la rappresentazione della classica Main Street americana, colma di ristoranti locali, negozi, gallerie d’arte, librerie e birrerie. Una cittadina con strade graziose e spettacolari viste delle montagne che la circondano.

Il Western North Carolina non é nuovo ai riflettori di Hollywood: qui sono stati girati i film “Il Fuggitivo”, “Dirty Dancing” e “Hunger Games”.

Ma è solo ora, con il pluripremiato “Tre Manifesti a Ebbing, Missouri”, che l’attenzione é stata nuovamente rivolta a questa zona.

Lungo il cammino di Mildred

A Sylva il viaggiatore può ripercorrere il cammino di Mildred Hayes nel battagliare con la comunità locale affinché sia fatta giustizia alla brutale morte di sua figlia.

E’ un viaggio nella sceneggiatura di Martin McDonagh e nella creazione di una Ebbing fittizia che può includere altre località del North Carolina: Dillsboro, Black Mountain e Maggie Valley.

La strada isolata con la casa grande di Mildred nel film é sulla North Fork Left Fork Road che circonda la Black Mountain.

Benché le tre affissioni create dalla produzione cinematografica non esistano più, la strada scenografica merita comunque una sosta.

Un tempo la Black Mountain era conosciuta quale “Front Porch of North Carolina, mentre oggi la si chiama “Little Town that Rocks”.

Offre panoramiche spettacolari delle Blue Ridge Mountains con un’ampia offerta di artigianato, arte e mercati alimentari locali.

Attraversata la strada, si può poi bere un birra artigianale Duck Rabbit Beer a Farmville, nel bar dove Dixon e i concittadini di Ebbing si svagano dopo una luna giornata di lavoro.

La scena della magica apparizione del cervo, è stata invece girata al Western North Carolina Nature Center, luogo che propone attrattive particolarmente amate dalle famiglie nonché  dimora del cervo dalla coda bianca, dell’orso nero, della volpe rossa e di altre specie native nella regione.

 

Info: Travel South USA Italia

Potrebbe interessare:

Washington e “The Post”, lo scandalo dei Pentagon Papers nell’ultimo film di Spielberg
Un viaggio attraverso gli abiti da sposa più belli del cinema dei 2000
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti