I Borghi d’Italia trainano il turismo enogastronomico: record di 5 mld di euro

Print Friendly, PDF & Email
I Borghi d'Italia trainano il turismo enogastronomico: record di 5 mld di euro

Il turismo enogastronomico italiano ha raggiunto la cifra record di 5 miliardi di euro, trainato soprattutto dai Borghi d’Italia, come affermato da Coldiretti in occasione della consegna delle Bandiere Arancioni, riconoscimento del Touring Club Italiano che premia i Borghi più belli d’Italia.


I Borghi d’Italia costituiscono il principale motore della vacanza Made in Italy. Per il triennio 2018-2020 ne sono stati scelti 227, di cui diciannove – spiega la Coldiretti – sono delle new entry, molte delle quali note soprattutto per le specialità enogastronomiche che vi si producono.

Se Gavi, in Piemonte, dà il nome al prestigioso vino bianco Gavi Doc e Docg, uno di vanti della viticoltura del Nord Italia, Gressoney Saint Jean (Valle d’Aosta) è nota per la Toma di Gressoney, un formaggio da alpeggio che si produce soltanto nei mesi estivi. Chi visita il centro calabrese di Oriolo – continua Coldiretti – non può fare a meno di assaggiare il “pittanghiuse” con la verdura e l’uva passa, calzoni preparati con farina di grano tenero o duro olio di oliva uova e poi ripiene con bieta e uvetta, o i celebri taralli, mentre Lama dei Peligni, incastonata tra le montagne abruzzesi, è nota per le sua Sfogliatelle di Lama, a base di marmellata di fragole e di amarene, noci e mosto cotto.

Fonte: Askanews

Potrebbe interessarti:

AGRITURISMO.IT LANCIA LA SEZIONE “RISTORANTE”

Agriturismi in italia

AGRITURISMI IN ITALIA, CONTINUANO A CRESCERE DOMANDA E OFFERTA

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

RAZZA UMANA di Oliviero Toscani

La mostra RAZZA UMANA, di Oliviero Toscani, sarà al Museo Lìmen, lo spazio espositivo della Camera di Commercio di Vibo Valentia, fino al 20 novembre 2016. Il ...
Vai alla barra degli strumenti