Etna, scoperti i cristalli che forniscono informazioni sulle precedenti eruzioni

Print Friendly, PDF & Email
Etna Cristalli ricordano le passate eruzioni

Una scoperta pubblicata su Nature Communications – condotta da Teresa Ubide, dell’università australiana del Queensland, e Balz Kamber, del Trinity College di Dublino – indica i cristalli presenti nelle rocce dell’Etna come registratori naturali che forniscono informazioni utili sulle precedenti eruzioni.


I cristalli, secondo i ricercatori, conservano la memoria degli eventi che precedono un’eruzione e indicano che alcune eruzioni sono avvenute a due settimane dall’arrivo del magma a 10 chilometri di profondità.

Secondo lo studio le informazioni contenute nei cristalli potrebbero indicare nuovi segnali premonitori del risveglio di un vulcano.

I cristalli raccolti sul vulcano siciliano, che è il più attivo d’Europa, si formano quando il magma inizia a salire dalla profondità di 30 chilometri verso la superficie e cambiano composizione durante la risalita. La loro struttura interna è fatta di strati che registrano “i processi che avvengono prima dell’eruzione” – ha rilevato Teresa Ubide.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

IN VIAGGIO SUL TRENO DEI VINI DELL’ETNA

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

etnavulcani

Vai alla barra degli strumenti