San Faustino, il patrono dei single

Print Friendly, PDF & Email

Non sposarti mai, Dorian.Gli uomini si sposano perchè sono stanchi, le donne perchè sono curiose, e le une e gli altri restano delusi (“Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde)

Il giorno dopo San Valentino, il 15 febbraio, tocca a San Faustino, il patrono dei single. Ovvero di tutti coloro che, per scelta o per colpa del destino, non cercano la propria metà o non l’hanno ancora trovata.

C’è chi addirittura lo chiama l’Anti San Valentino. Perché se da un lato ci sono le cene romantiche, cuori, cioccolatini e frasi smielate, dall’altro vi è l’elogio della piena e orgogliosa autonomia.

Ecco perché quello del 15 febbraio è diventato un giorno pieno di eventi e feste in tutto lo Stivale, da Milano fino a Napoli.

Ma quali sono le origini di questa festa dedicata ai non innamorati?

“San Faustino di Sarezzo, in provincia di Brescia – si legge su ‘Sapere.it’ – è di origine medievale ed è tutt’ora una ricorrenza patronale della Valtrompia.

Secondo la tradizione San Faustino dava opportunità alle giovani fanciulle di incontrare il loro futuro ‘moroso'”.

“La leggenda racconta che Faustino fosse il figlio di una famiglia molto ricca di origine pagana, motivo per il quale divenne immediatamente cavaliere. Affascinato dalla religione cristiana si fece battezzare e decise di predicare la parola del signore in tutta la zona di Brescia e paesi circostanti”.

“Fu perseguitato dagli altri nobili perché si rifiutò di fare sacrifici in onore degli dei. Questione che fece infuriare anche l’imperatore, il quale ordinò di darlo in pasto ai leoni che, però, si sedettero ai suoi piedi invece di divorarlo. Il sovrano, sempre più infuriato, decise quindi di farlo bruciare vivo ma anche in questo caso Faustino la scampò perché le fiamme non lo investirono”.

Si racconta, infine, che “dopo una serie di trasferimenti San Faustino fu ucciso il 15 febbraio”.

Ecco perchè questo giorno è poi diventato la festa dei single. Perché il nome Faustino ha origini latine propiziatorie; non a caso, quindi, i ‘non accoppiati’ che aspettano questa festa sperano nella fortuna di trovare l’anima gemella.

 

Potrebbe interessare:

San Valentino: la top 7 degli ingredienti d’amore
Le origini della festa di San Valentino
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti