Week-end a Bergamo, una bomboniera divisa tra Città Alta e Bassa

Print Friendly, PDF & Email

Pur non essendo la prima meta turistica in Italia che possa venire in mente, Bergamo regala diverse soluzioni interessanti per un week-end di svago: dalla cultura alla gastronomia, dalla natura ai patrimoni storici.


Bergamo è stata inserita dal quotidiano The Telegraph tra i 21 centri urbani più belli d’Europa e recentemente – sempre dal tabloid britannico – posizionata al secondo posto tra “le gemme italiane che non avresti mai pensato di visitare”: riconoscimenti che hanno dimostrato la ricchezza culturale e paesaggistica della città lombarda.

La città è una bomboniera divisa tra la Città Alta e la Città Bassa, collegate da una funicolare e da antiche scalette in ciotoli. Nella Bergamo Bassa, ridisegnata a inizio ’900, trova spazio l’arte nelle sue diverse declinazioni: qui risiede la rinnovata Accademia Carrara dove è in corso una delle mostre più importanti dell’anno, “Raffaello e l’eco del Mito”;  di fronte si trova la Gamec, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea.

La Città Alta è piena di vicoli medioevali da esplorare, qui si respira la storia grazie alle strade caratteristiche e soprattutto alle Mura di difesa veneziane che circondano questa parte della città. Le mura venete sono dislocate lungo un percorso transnazionale da Bergamo al Montenegro passando per la Croazia, costruite tra il XVI e il XVII secolo.  Questa costruzione nel luglio del 2017 è stata riconosciuta dall’Unesco come 53esimo patrimonio italiano e 11esimo in Lombardia.

Sempre nella Città Alta, si erge la Torre Civica – o Campanone – in Piazza Vecchia: è la torre più alta di Bergamo Alta e contiene la campana più grande della Lombardia, risalente al periodo tra l’XI e il XII secolo. Alle 10 di ogni sera da 360 anni risuonano 100 rintocchi che indicavano la chiusura delle porte d’accesso intorno alla città e che ancora oggi regalano momenti carichi di storia.

Da non perdere le Cascate del Serio, le più alte d’Italia e le seconde in Europa: 310 metri di altezza che regalano uno spettacolo di 10.000 metri cubi di acqua in caduta libera.

Durante un fine settimana a Bergamo, se si dispone di abbastanza tempo merita una visita anche Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa dove non circolano automobili ma solo biciclette o bus. Si parte da uno dei paesi della riva bergamasca a bordo di un battello per ammirare i borghi e gli eccezionali scorci sulla costa che l’isola regala.

Bergamo non si fa mancare nulla nemmeno nella gastronomia. Terra di formaggi, ben nove hanno ottenuto la certificazione Dop (Denominazione d’Origine Protetta), record assoluto in Italia: Formai de Mut, Taleggio, Bitto, Grana Padano, Gorgonzola, Quartirolo Lombardo, Provolone Valpadana, Salva Cremasco, Strachitunt. Tutti da provare.

Info: www.visitbergamo.net

Potrebbe interessarti:

L’ARTE DI RAFFAELLO AL CENTRO DI UNA GRANDE MOSTRA A BERGAMO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti