I 90 anni degli Oscar: tutte le curiosità sull’evento cinematografico più atteso

Print Friendly, PDF & Email

Si avvicina l’evento del cinema più atteso, la notte degli Oscar domenica 4 marzo, che quest’anno festeggia anche un compleanno importante: 90 anni. 


Ecco alcune curiosità della storia degli Academy Awards, più o meno note.

Migliori registe donne

Tra i 68 premiati con l’Oscar alla Miglior Regia c’è solo una donna. Una sola: Kathryn Bigelow che vinse nel 2010 con “The Hurt Locker”.

E in tutta la storia degli Oscar solo 5 donne hanno ricevuto la nomination per questo premio – Lina Wertmüller (nel 1977 per “Pasqualino Settebellezze” è la prima regista donna a ottenere la candidatura), Jane Campion nel 1994 per “Lezioni di piano”, Sofia Coppola nel 2004 per “Lost in Translation”, Kathryn Bigelow – inclusa l’esordiente Greta Gerwig con “Lady Bird” in gara nel 2018. Nell’anno del #metoo e del Time’s Up si farà il bis?

Le conduttrici

Sempre in tema di gender gap hollywoodiano 16 sono le donne che hanno condotto la serata, l’ultima Ellen De Generes è anche autrice del selfie stellare più retwittato della storia, quello scattato da Bradley Cooper con il telefono di Ellen nel 2014: oltre 3 milioni 400 mila.

Sono invece 59 gli uomini che hanno presentato gli Awards, alcuni per diverse volte – come Jimmy Kimmel che salirà sul palco quest’anno per la seconda volta.

Record di nomination

Meryl Streep (in nomination anche quest’anno per “The Post”) detiene il record di 22 candidature, mentre tra gli uomini Jack Nicholson ha raccolto 12 nomination (l’ultima nel 1998, quando ha vinto la statuetta con “Qualcosa è cambiato”).

Discorso più googlato

Il discorso di ringraziamento più cercato su Google? Quello di Leonardo DiCaprio nel 2016, del resto per quanto tempo abbiamo aspettato di vedere il Jack di Titanic ritirare quel premio?

Il suo discorso incentrato sul tema del cambiamento climatico ha oltre 11 milioni di visualizzazioni su YouTube. E dato occasione per vedere di nuovo insieme DiCaprio con Kate Winslet, ancora iconica coppia.

Super emozionante anche il discorso di Halle Berry quando ha ritirato il suo premio per “Monster’s Ball” nel 2002: “È per tutte le donne di colore senza nome, senza volto, che ora hanno una possibilità perchè stanotte questa porta è stata aperta!”.

Record di statuette

Il record di premi appartiene a Walt Disney: 22 statuette mentre Edith Head ne ha portate a casa 8, tutte nella categoria Miglior Costume (“Vacanze Romane” e “Sabrina”, due dei suoi film).

Il primato italiano

L’Italia ha un importante primato: è il paese con più Oscar vinti nella categoria Miglior Film Straniero (14, con 32 nomination – l’ultimo vinto nel 2014 con “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino).

E sempre in tema Italia i film di Federico Fellini hanno vinto quattro volte: “La strada” (1956), “Le notti di Cabiria” (1957), “8 e mezzo” (1963) e “Amarcord” (1974), oltre al premio alla carriera nel 1993 con il celebre “Giulietta non piangere”. 

Sophia Loren con “La Ciociara” (“Two Women” il titolo internazionale) di Vittorio De Sica vinse nel ’61 il primo Oscar assegnato ad un’attrice per un film non in lingua inglese.

Il più nominato di quest’edizione

Per questa edizione 2018, “La forma dell’acqua” (“The Shape of Water”) di Guillermo Del Toro è il film con più nomination (13), mentre se guardiamo ai nominati per le categorie individuali, il 75% sono uomini.

Gli attori dal cachet dorato

In tema diversità uomo/donna anche i salari: l’attore più pagato del 2017 è Mark Wahlberg, con un cachet di 68 milioni, la donna più pagata nello stesso anno è Emma Stone con 26 milioni.

Fronte LGBT

 

Il gender gap è un annoso problema basti pensare che Hilary Swank ha vinto il suo primo Oscar come Miglior Attrice nel 2000 con “Boys Don’t Cry”: aveva 24 anni, non era decisamente famosa, ma ha guadagnato solo 3.000 dollari per quel film. “Avevo un premio Oscar e nessuna assicurazione sanitaria”.

Tra le decine e decine di curiosità di questi 90 anni, cui lo stesso sito dell’Academy, dedica una sezione: nel 1934 il film di Frank Capra “Accadde una notte” con Claudette Colbert e Clark Gable conquistò tutti i cinque Oscar più importanti: miglior film, attore, attrice, regia e sceneggiatura.

Accadde anche 40 anni dopo per “Qualcuno volò sul nido del cuculo”. Nel 1940 Hattie McDaniel, per il ruolo di “Mamy in Via col vento”, vinse l’oscar come migliore attrice non protagonista, il primo mai dato a un afro americano.

Sapete chi presentò l’Oscar nel 1956? Due stelle assolute Audrey Hepburn e Grace Kelly. 

“The Artist” nel 2011 è stato il primo film muto a vincere l’Oscar come miglior film dopo “Wings” del ’27. Tra i ricordi più curiosi il mini oscar dato nel 1934 alla piccola Shirley Temple, riccioli d’oro.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Movietour: in Canada nei luoghi di The Shape of Water
In North Carolina, nelle location del film “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti