Costiera Sorrentina, mare cristallino e panorami mozzafiato

Print Friendly, PDF & Email

Tra le meraviglie in Italia che vanno viste almeno una volta nella vita non può mancare la Costiera Sorrentina, con le sue spiagge e le acque cristalline in Campania, a dividere il Golfo di Napoli dal Golfo di Salerno.


La Costiera Sorrentina è uno dei posti più amati della Campania che ogni anno attira un enorme numero di turisti rendendo anche difficile trovare un soggiorno da queste parti visto l’intasamento di hotel e appartamenti nei periodi di alta stagione. Nella penisola sono compresi 21 comuni campani, di cui 12 della Provincia di Napoli e 9 di Salerno. La penisola sorrentina infatti è un vero e proprio spartiacque tra i due golfi – precisamente in prossimità del comune di Sant’Agata sui Due Golfi – e si estende da Castellammare di Stabia fino a Positano, punto di inizio della Costiera Amalfitana. Questa parte di Campania è attraversata interamente dai Monti Littari.

Ogni stagione dell’anno mette in risalto particolari qualità della penisola anche se è chiaramente l’estate il periodo preso di maggiore assalto dai turisti per via delle sue splendide spiagge. Ma le tradizioni, la storia, la cultura e i sapori di queste terre sono un ottimo biglietto da visita anche in primavera così come in autunno mentre la magia del Natale e dei monumenti locali contribuiscono a rendere interessante questi luoghi anche in inverno.

Il mare cristallino e le incantevoli spiagge sono il marchio di fabbrica della penisola: dalla vegetazione della Baia di Ieranto, insenatura rocciosa di fronte a Capri, alle caratteristiche grotte della Spiaggia di Recommone passando per una delle spiagge più belle come la Cala di Mitigliano con i suoi ricchi fondali, paradiso per i sub.

Il cuore della penisola è senz’altro Sorrento, una delle mete turistiche più amate di tutto il mondo. Artisti come Goethe, Dickens, Nietzsche e D’Annunzio hanno scelto proprio Sorrento come meta per le loro vacanze o lavoro. D’altronde si tratta di una località che con i suoi paesaggi e i suoi panorami si presta perfettamente a fonte d’ispirazione per scrittori, poeti o pittori. Il centro di Sorrento è Piazza Tasso, intitolata proprio al celebre artista a cui la località diede i natali. Da non perdere anche il Duomo, la Basilica di San Francesco e il Sedile Dominova oltre ai suoi numerosi vicoletti e alle tante chiese, su tutte quella di Sant’Antonio e la Cattedrale.

La Costiera Sorrentina comprende però anche altri comuni dal fascino unico come Massa Lubrense, Vico Equense, Meta e Piano di Sorrento. Le storiche torri e i tanti punti naturalistici di Massa Lubrense, le terme dello Scrajo e le strade ripide con panorami mozzafiato a Vico Equense, le grandi spiagge sabbiose di Meta di Sorrento e la bellissima Villa Fondi a Piano di Sorrento sono tappe che non possono mancare durante un viaggio nella penisola.

Il patrimonio gastronomico di queste terre è assai ricco: tanti sono i prodotti tipici e le specialità gastronomiche che conquistano ogni anno il palato di numerosi turisti. Il Fiordilatte di Agerola ed il Provolone del Monaco; i limoni (da cui il famoso Limoncello), il Panuozzo e la pizza a metro di Vico Equense o la pasta di Gragnano. Ma la penisola sorrentina è anche ricca di sagre: se ne celebrano almeno due al mese nelle varie cittadine del territorio, una scelta che non manca mai.

Potrebbe interessarti:

LA CUCINA CAMPANA TRA DOLCE E SALATO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Torino

Weekend a Torino

Torino è la città più profonda, più enigmatica, più inquietante, non d’Italia ma del mondo. Giorgio De Chirico È considerata dal New York Times tra ...
Vai alla barra degli strumenti