Dischetti di plastica, svelato il mistero sulle coste tirreniche

Print Friendly, PDF & Email
Dischetti di plastica, svelato il mistero sulle coste tirreniche

Il mistero dei dischetti di plastica che hanno inquinato nei giorni scorsi le coste tirreniche è stato risolto: il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha individuato una forte concentrazione di questi filtri vicino ad un impianto di depurazione in prossimità della foce del Sele e sugli argini del fiume.


Sin dalla settimana scorsa i dischetti di materiale plastico si erano riversati in più tratti costieri del Mar Tirreno Centrale, con picchi nei pressi dell’isola di Ischia, sul litorale campano e su quello laziale tra Fiumicino e Anzio.

Dalle ulteriori verifiche sul depuratore sospetto, il personale della Guardia Costiera ha potuto accertare la fuoriuscita dei filtri che, a causa di un cedimento strutturale di una vasca dell’impianto, si sono riversati nel fiume Sele per poi confluire nel Mar Tirreno, dove, per effetto delle correnti, si sono distribuiti lungo le coste della Campania e del Lazio, fino a raggiungere il litorale meridionale della Toscana.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Dischetti di plastica nel mare Tirreno: Codacons si rivolge alla magistratura

DISCHETTI DI PLASTICA IN MARE, IL CODACONS PRESENTA ESPOSTO ALLA MAGISTRATURA

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti