Dress code da cerimonia: come vestirsi per un outfit impeccabile

Print Friendly, PDF & Email
Dress code da cerimonia: come vestirsi per un outfit impeccabile

Con l’arrivo della primavera si entra anche nella stagione dei matrimoni e delle cerimonie: un’occasione dove il dress code è molto importante per evitare di cadere in errori che potrebbero mettere a disagio durante l’evento.


Per gli sposi così come per gli invitati ci sono regole e galateo da seguire per la buona riuscita della propria partecipazione alla cerimonia. A tal proposito Rossella Migliaccio, consulente di stile e fondatrice di Italian Image Institute, ha stilato con vente-privee, pioniere delle vendite-evento online,  alcuni utili consigli e regole di bon-ton, per presentarsi alle prossime occasioni in modo impeccabile.

  • Innanzitutto bisogna leggere attentamente l’invito per vedere se sia stato stabilito un dress code. In caso di dubbi è opportuno chiedere direttamente alla sposa.
  • Fare attenzione alla location poiché può svelare indicazioni utili per la scelta dell’outfit: una villa d’epoca si presta ad un abito più ricercato, mentre un agriturismo consente un look più informale, ma sempre elegante. Allo stesso modo, anche l’orario della cerimonia e il tipo di rito (civile o religioso): il primo richiederà un abbigliamento più rigoroso, mentre il secondo più tradizionale.
  • Per lei: abito lungo o corto? Al mattino è da preferire un abito al ginocchio oppure un tailleur elegante ma mai scegliere l’abito lungo, nemmeno per le cerimonie più formali. La sera, invece, si può optare tra il classico tubino, l’abito midi o il più elegante abito da cerimonia sino ai piedi.
    Per le amanti dei pantaloni il completo giacca-pantaloni, così come la jumpsuite, può essere una scelta molto sofisticata, ma con qualche accortezza. Non deve essere un completo da ufficio né troppo appariscente, ma devono essere rispettati gli stessi standard dell’abito.
  • Colori e tessuti: per la donna assolutamente banditi il bianco, il nero e il rosso. Via libera ai toni tenui e polverosi (come cipria, malva, celeste, salvia e grigio polvere) se la cerimonia è al mattino o ad una palette cromatica più intensa se si svolge verso sera (dal verde foresta al blu navy, senza tralasciare i meno gettonati burgundy e ottanio), prediligendo sempre la tinta unita e lasciando spazio alle stampe solo per il mattino, mai però troppo larghe e chiassose. Per quanto riguarda i colori Seta, velluto, chiffon, crêpe e tuttele stoffe leggere sono da preferire, mentre il lino, il cotone e tutti i materiali più casual sono da escludere. Anche il pizzo può essere scelto per impreziosire un abito, a patto però che non sia troppo sexy e privilegiando le versioni più leggere e impalpabili per la sera.
  • Accessori: Iniziando dal cappello è bene ricordarsi che si porta solo se ad indossarlo è anche la madre della sposa, e per cerimonie al mattino o ricevimenti all’aperto. Inoltre, in luoghi chiusi, come in chiesa, le donne possono tenerlo, per poi toglierlo quando ci si siede a tavola. 
    Per la scelta delle scarpe le più eleganti sono senz’altro quelle chiuse, così come i modelli chanel e spuntate, indossate con una calza per le cerimonie più formali, mentre i sandali gioiello sono da riservare per la sera. Durante il giorno è possibile abbinare una borsa di dimensioni medio-piccole da portare a tracolla o a braccio, privilegiando il classico capretto, anche in versione eco. Vietati i modelli clutch o a bustina, concessi solo nel tardo pomeriggio, osando anche con glitter o decori più preziosi.
  • Per gli uomini il discorso è più semplice: un completo classico grigio o blu scuro è la scelta vincente purché in fresco di lana e mai lucidoo dall’effetto cangiante, da abbinare ad una camicia bianca o azzurra. Le righe sono concesse solo in cerimonie informali, mentre assolutamente da evitare le camicie nere o blu scuro. Mai indossare lo smoking: contrariamente a quanto si possa pensare non è un abito da cerimonia, mentre il tight è solitamente prerogativa dei parenti più stretti, e si può quindi portare solo se richiesto dagli sposi. Quanto agli accessori la cravatta è in seta nei toni del grigio, azzurro o pastello, semaforo rosso invece per il papillon. Via libera ai gemelli per gli amanti dello stile più raffinato. Scarpe e cintura devono essere coordinate e si preferiscono nere, anche se si è vestiti di blu, in capretto liscio, ma non in vernice o scamosciato.
  • Per i bambini: per le femminucce è bene puntare su abiti lineari nei toni del bianco, avorio o pastello da abbinare a piccoli cardigan, come quelli spesso indossati dalla principessina Charlotte, e immancabili accessori glitterati, dai cerchietti alle sfiziose mini bag con tracolla. Per i maschietti meglio indossare una camicia bianca con gilete giacca blu o azzurra da abbinare a pantaloni lunghi o al ginocchio a seconda della stagione. Se, invece, il piccolo di casa è stato scelto per fare da paggetto o damigella spetta all’entourage della sposa pensare all’abbigliamento e alla relativa spesa. 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Onefinestay, le 5 mete per un matrimonio da sogno

ONEFINESTAY, LE 5 METE PER UN MATRIMONIO DA SOGNO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti