Scoprendo l’Hokkaido, il tesoro prezioso del Giappone

Print Friendly, PDF & Email
Parco di Shiretoko, Hokkaido

 

 

Il tuo sorriso è la forza della tua vita.

(Proverbio giapponese)

In mezzo all’Oceano Pacifico c’è una terra di tradizione e fascino, un’oasi naturale ancora poco gettonata ma che ha molto da offrire ai suoi visitatori, ai quali aspetta a braccia aperte: l’Hokkaido.

Cultura, sorrisi, l’accoglienza di un popolo ed una natura vergine, tra i beni più preziosi dell’isola. Un must per i viaggiatori meno convenzionali che hanno voglia di scoprire questo Paese in un modo diverso e unico.

Hokkaido

© radseason.com

L’isola 

Hokkaido è la più settentrionale dell’arcipelago giapponese. È la destinazione ideale per visitare il Giappone soprattutto in estate, grazie al suo clima secco e fresco, intorno ai 21 gradi nei mesi più caldi. La situazione è completamente diversa in inverno, con delle temperature che variano dai -4 ºC ai -12 ºC e delle frequenti tempeste di neve.

Un’isola di origine vulcanica, anche molto sismica, fatta di vulcani, foreste, montagne e laghi. I vulcani (più di sessanta, che rappresentano il 10% dei vulcani di tutto il pianeta) e le montagne si concentrano nella zona centrale.

Tramonto a Hokkaido

© Pixabay

Per raggiungere l’isola, il consiglio è quello di volare da Tokyo fino all’aeroporto di Shin-Chitose, a sud di Sapporo, capoluogo dell’Hokkaido. Un’altra opzione è quella di prendere il traghetto dai porti di Niigata e Sendai.

Le città principali

Oltre alla meravigliosa natura indomita dell’isola, anche le città sono vere meraviglie, dei mix di modernità e tradizione, con un’ottima offerta gastronomica e notturna.

  • Otaru, dai mille colori. Questa città portuale, situata nella zona sud-occidentale dell’isola, fu uno dei porti principali dell’isola e si affaccia sul mare del Giappone lungo la costa della baia di Ishikari. Il simbolo della città, il lungo canale che l’attraversa lasciando su entrambi i lati dei palazzi molto ben curati e numerosi monumenti storici.
  • Saporo, un mix di architettura e natura. Situata ad ovest, è una città accogliente piena di parchi e giardini. Ripercorrendola a piedi o in bicicletta, scoprirete alcuni dei polmoni dell’isola, come il parco Odori Koen (in centro). Le strade ampie e dritte evidenziano l’influenza occidentale nella costruzione della città.

Da non perdere soprattutto in estate, quando le temperature sono miti e i bar mettono i tavolini all’aperto per farvi assaggiare le delizie gastronomiche dell’isola, accompagnandole dell’ottima birra Saporo.

Sapporo, Hokkaido

© isitjapan2019.com

  • Hakodate, che cambia il colore a seconda della stagione. Situata a sud, questa località balneare è culla di storia e cultura. Prendete il tram per ripercorrervi tutta la città tra edifici storici e palazzi di mattoncini rossi. Tra gli indimenticabili, il Goryo-kaku, una fortificazione a stella (fatto ad immagine e somiglianza dei forti occidentali) con dei giardini bellissimi.

Prendendo la funivia potrete salire sul monte Hakodate, che offre una panoramica d’eccezione della città, soprattutto la sera. Qui conviene coprirsi bene poiché anche in estate le temperature sono abbastanza basse. Nonostante il freddo, ne vale davvero la pena!

Da non perdere

Se siete degli amanti della natura e, soprattutto, delle montagne, siete arrivati nel posto giusto. L’isola è piena di paraggi unici che non dimenticherete mai. La rete di trasporto (treni e autobus) è abbastanza ampia e vi farà arrivare nei luoghi principali dell’Hokkaido.

Il consiglio è quello di prendere la bici per arrivare nei posti più remoti e non perdere nessuno dei tesori che l’isola nasconde. L’isola ha una rete stradale in ottime condizioni, con moltissime aree di sosta per ciclisti, i michi no eki, con campeggi gratuiti, ristoranti e internet, e ben 2000 km di strade costiere panoramiche.

Uscite per un’escursione per ammirare le specie locali e che soltanto troverete in questa zona del Paese. L’Hokkaido è famosa per i suoi meravigliosi parchi naturali, dei siti naturalistici straordinari che sono tra i più antichi e meglio conservati di tutto l’arcipelago, come:

  • Parco Nazionale Akan, nella zona vulcanica di Akan (a est di Hokkaido), l’altro parco nazionale più antico dell’isola. Potrete passeggiare tra i crateri e immergervi nelle verdi foreste prima di scoprire i laghi dalle acque trasparenti che ci sono, tra cui il Mashu o il Kussharo (il più grande).
Parco Nazionale di Akan, Hokkaido

© viaggi.nanopress.it

  • Parco Nazionale di Daitsetsuzan, situato tra le province di Kamikawa e Tokachi. Si tratta del più grande parco nazionale del Giappone ed è uno dei due parchi nazionali più antichi dell’isola. Qui troverete il maestoso monte Asahidake, alcune delle specie più genuine di Hokkaido, come l’orso bruno o il pika siberiano, facendo una passeggiata tra le immense distese di fiori del parco.
  • Parco Nazionale Shiretoko (là dove la terra finisce), situato nella penisola vulcanica della parte nord-orientale. Numerose le specie endemiche che ci abitano, tra cui il picchio nero, la Gru della Manciuria o la popolazione di orsi più importante del Paese. Accessibile soltanto a piedi o via mare, la regione più pura e incontaminata dell’Hokkaido è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
Parco di Shiretoko, Hokkaido

© it.gde-fon.com

Fate una pausa

Assaporate con lentezza le delizie locali in cui il pesce e il ramen sono i protagonisti. Qui potrete assaggiare tutti i tipi possibili di pesce e di frutti di mare, di un’ottima qualità. Granchi, capesante, ricci di mare, gamberi, vongole, salmoni, aringa, baccalà e ancora tante altre delizie di mare per soddisfare i palati più raffinati.

Tra gli imperdibili, l’ishikari-nabe, piatto tradizionale della gastronomia dell’Hokkaido. Si tratta di uno stufato di pesce, che viene preparato utilizzando un intero salmone, insieme alle verdure, il tofu, il konnyaku (una sorta di gelatina poco saporita) e la zuppa di miso.

Abbandonatevi al relax più assoluto e rigenerate corpo e mente facendo il bagno in alcuno dei tanti onsen dell’isola (sorgenti termali naturali). L’isola ne è piena: Hakodate, Noboribetsu, Sapporo, Lago Toya, Lago Shikotsu, Furano, Sounkyo, Kushiro, Parco Nazionale di Akan e di Shiretoko.

 Onsen in Hokkaido

© www.robertharding.com

 

Info

www.turismo-giappone.it
giappone.hisitaly.com

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti