Pasqua a Vienna

Print Friendly, PDF & Email

A Pasqua a Vienna il divertimento è assicurato grazie alle tante attrazioni presenti, dalle decorazioni tradizionali e uova artisticamente dipinte alle specialità culinarie e intrattenimento musicale.


Qui, i nostri suggerimenti su cosa fare in questo weekend di Festa.

Mercatini Pasquali

Alla Reggia di Schönbrunn 

Il mercato di Pasqua di fronte alla Reggia di Schönbrunn è considerato uno dei mercati più romantici.

Con la reggia barocca sullo sfondo, 60 espositori offrono non solo golosità di ogni tipo ma anche decorazioni pasquali e articoli di artigianato artistico austriaco.

Mentre i bambini si divertono a preparare coniglietti di marzapane e decorazioni floreali pasquali, oppure con la caccia alle uova nel laboratorio dei coniglietti pasquali o al Museo dei bambini, i grandi si distraggono con il “Jazz del Mercatino di Pasqua”.

In piazza Freyung

Nel mercato di Pasqua della Vecchia Vienna nella piazza Freyung, una delle più belle piazze antiche del centro storico, viene accumulata ogni anno la più grande montagna di uova d’Europa, composta da circa 40.000 uova pasquali dipinte.

Inoltre, vi si possono trovare numerose specialità pasquali, dalla Osterpinze (pinza pasquale) all’agnello al forno, artigianato artistico, fiori e, per i più piccoli, un laboratorio di decorazioni pasquali.

Am Hof   

Anche il Mercato di Pasqua Am Hof si svolge completamente all’insegna della tradizione pasquale con uova decorate artisticamente e bouquet di fiori, cui si aggiungono anche graziosi prodotti di artigianato artistico e gastronomia tradizionale.

Festa del Monte Calvario 

Alla Festa del Monte Calvario i visitatori possono cercare regali di Pasqua e oggetti artistici, ma anche mettere alla prova la propria creatività partecipando a diversi workshop e laboratori d’arte.

Musica dal vivo e un programma per i bambini assicurano ulteriore intrattenimento.

La mostra dedicata a Keith Haring

Il sistematico linguaggio semiotico di Keith Haring è al centro della vasta retrospettiva allestita nell’Albertina.

L’eccezionale artista ha vissuto per soli 32 anni. Nel 2018 Keith Haring avrebbe festeggiato il suo sessantesimo compleanno.

In occasione di tale ricorrenza l’Albertinamette in mostra circa 100 opere, che trasmettono il loro forte messaggio contro lo strapotere dei governanti, l’oppressione delle minoranze, il pregiudizio e la barbarie.

Nonostante la diversificata ricezione della sua opera, è stato finora trascurato un aspetto centrale in Haring: la ricerca sistematica sulla lingua dei segni, un alfabeto artistico che si snoda come un filo rosso attraverso i suoi lavori.

Un’arte concepita come linguaggio. Che tutti dovrebbero comprendere. La mostra “Keith Haring. The Alphabet” è dedicata proprio a questa tematica.

L’ascesa di Haring iniziò nei primi anni ’80. Fu amico di Andy Warhol, e divenne famoso con i suoi “Subway Drawings” (creazioni grafiche realizzate nella metropolitana).

Nel periodo compreso tra il 1980 e il 1985, disegnò sui cartelloni pubblicitari inutilizzati, ricoperti di carta nera, nella metropolitana di New York: realizzò i suoi tipici disegni con gesso bianco.

Deliberatamente lasciò queste opere senza titolo, per non influenzare gli osservatori con qualsiasi interpretazione data dall’artista. Keith Haring ha lottato, con tutto il suo operato, per l’individuo, e si è attivamente impegnato tra l’altro per la fine dell’Apartheid in Sud Africa.

Storico è anche il suo ruolo nella battaglia contro l’AIDS. Nel 1990 Haring muore prematuramente a causa dell’AIDS.

 

Informazioni utili:

“Keith Haring. The Alphabet”

16/03/2018 – 24/06/2018

Albertina, Albertinaplatz 1 , 1010 Wien

Sito: www.albertina.at

Ulteriori informazioni al sito: www.wien.info

(Immagini utilizzate prese dal sito Wien Tourismus)

Potrebbe interessare:

Pasqua con l’arte
Pasqua: dal culatello alla finocchiona a ogni regione il suo salume
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti