Roma, le aperture pasquali delle Gallerie Nazionali di Arte Antica

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Le Gallerie Nazionali di Arte Antica Palazzo Barberini e Galleria Corsini saranno aperte nei giorni di Pasqua, domenica 1° aprile, e Lunedì dell’Angelo, lunedì 2 aprile. Le Gallerie chiudono il 3 aprile.


Ecco, le mostre in corso a Palazzo Barberini:    

CURIOSE RIFLESSIONI. JEAN-FRANÇOIS NICERON, LE ANOMORFOSI E LA MAGIA DELLE IMMAGINI   

7 marzo – 10 giugno 2018    

La mostra presenta alcuni dipinti del matematico e teologo francese Jean-François Niceron (Parigi 1613 – Aix-en-Provence 1646), uno dei più interessanti esponenti dell’anamorfismo, effetto di illusione ottica per cui un’immagine appare distorta e diventa comprensibile solo ponendosi nell’unico corretto punto di osservazione, oppure attraverso uno strumento apposito che ne restituisca la giusta lettura.

Accanto ai dipinti – di solito conservati nei depositi di Palazzo Barberini e raramente esposti al pubblico – ciascuno con il dispositivo per la corretta visione, saranno esposti due esemplari delle opere a stampa del frate francese e la riproduzione di un curioso “canocchiale anamorfico” , sempre di Niceron.

 

LA MADONNA ESTERHÁZY DI RAFFAELLO

31 gennaio 2018 – 08 aprile 2018     

In occasione del prestito de La Fornarina alla mostra su Raffaello in corso Bergamo, le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano una delle opere più interessanti e significative della produzione raffaellesca, la Madonna Esterházy, proveniente dallo Szépmuvészeti Múzeum di Budapest, dipinta da Raffaello intorno al 1508, testimonianza della fine del periodo fiorentino e l’inizio di quello romano. La tavola viene esposta accanto a una riproduzione in grande del correlato disegno preparatorio e ad altre tre opere provenienti dalle Gallerie Nazionali, simili per formato e ambiente.

 

GLORIE DI CARTA. IL DISEGNO DEGLI ARAZZI BARBERINI

20 dicembre 2017 – 22 aprile 2018   

La mostra presenta l’affascinante storia della fabbrica di arazzi impiantata a Roma nel 1627 da Francesco Barberini, con l’eposizione di tre dei cartoni preparatori per le più importanti serie di arazzi realizzate dall’arazzeria lungo un arco di circa cinquant’anni di attività. Accanto  ad essi, che escono per la prima volta dai depositi dopo vent’anni, ognuno appartenente ai cicli Storie di Costantino, la Vita di Cristo e le Storie di Urbano VIII, in mostra anche il Ritratto di Urbano VIII di Pietro da Cortona, in prestito dai Musei Capitolini, e la Visita di Urbano VIII al Gesù (1642-1643) di Andrea Sacchi, Jan Miel e Antonio Gherardi, esposta l’ultima volta negli anni Ottanta del Novecento.

Info: www.barberinicorsini.org

Potrebbe interessarti:

Roma, a Palazzo Barberini la mostra “Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti