Bancarelle, nuova delibera del Campidoglio: via i riferimenti alla Bolkestein

Print Friendly, PDF & Email
Bancarelle, nuova delibera del Campidoglio: via i riferimenti alla Bolkestein

L’Assemblea capitolina ha approvato il 28 marzo la cosiddetta “nuova” delibera 30 sul commercio in area pubblica che rimette mano al Regolamento delle attività commerciali sulle aree pubbliche e sulla questione bancarelle a firma del presidente della commissione Commercio, Andrea Coia (M5S), a meno di 10 mesi di distanza dalla discussa delibera 30/2017.


Il provvedimento è passato con 25 voti favorevoli e 12 contrari.

Via tutti i riferimenti espliciti alla direttiva Bolkestein, possibilità dell’uso di stand di altezza massima di 1,5 metri, via libera all’esposizione di merci al di fuori degli spazi del mercato, ma non a fronte negozio, sì alla somministrazione di prodotti alimentari in loco, nuova disciplina del periodo stagionale, ora allineata a quella regionale, con due periodi, dal primo aprile al 30 ottobre e dal primo ottobre al 31 marzo: sono i principali aspetti della nuova delibera.

Coia ha spiegato in aula i punti principali della delibera: “Le rotazioni non termineranno, nessun posteggio terminera’ al 31 dicembre 2018: la normativa attuale prevede la scadenza al 2020, nel frattempo noi vorremmo avviare i bandi per i posteggi rimasti liberi; ci sara’ il riconoscimento degli spuntisti storici anche nei criteri dei bandi, coloro che oggi esercitano regolarmente o hanno esercitato nell’ultimo biennio in luogo dei titolari avranno riconosciuta la possibilita’ di assegnazione di punteggio; si da’ la possibilita’, sia agli enti pubblici che alle imprese private, di ottenere un posteggio, sempre tramite bando, per portare nuovi servizi nell’ottica di una rivisitazione in chiave sociale dei mercati, con alcuni progetti che partiranno a breve e prevedono proprio la creazione di piazze dei mercati in modo che la gente li possa ‘vivere’“.

Dalle opposizioni in Campidoglio arrivano critiche alla Giunta Raggi per la gestione della vicenda sin dall’approvazione della prima delibera: “Questa delibera – ha commentato Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italiaapprovata di corsa a giugno scorso, ha manifestato molte criticità e infatti dopo qualche mese siamo qui a modificare il regolamento. Si vanno a risolvere, con questa modifica al regolamento, alcune incongruità, ma in questi mesi si sono messe le persone in difficoltà nel lavorare, segno che la fretta non e’ mai utile”.

Per la consigliera Pd, Valeria BaglioE’ imbarazzante che dopo dieci mesi ci venga presentata una nuova delibera. Non siamo di fronte a piccole modifiche ma di fronte a una rivoluzione completa di questo regolamento la delibera e’ stata stravolta perchè vi siete accorti di aver sbagliato”.

Fonte: Dire

Potrebbe interessarti:

roma, plazzale flaminio

ROMA TRA BANCARELLE, BOLKESTEIN E DEGRADO

ROMA, LA GIOSTRA DELLE BANCARELLE DEL CENTRO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti