Roma, terrorismo: il piano di vigilanza per la Pasqua

Print Friendly, PDF & Email

 


Roma. Si è svolta oggi, 26 marzo, una riunione operativa presieduta dal Questore Marino, nel corso della quale sono stati pianificati i servizi di vigilanza ordine e sicurezza connessi agli eventi religiosi in programma per la ricorrenza della Pasqua.


Dalle 19 di giovedì e sino alle 24 del 2 aprile, scatta nella capitale la “green zone” che include tutta l’area del centro storico, Colosseo e Vaticano: non saranno ammesse manifestazioni, sarà vietato il trasporto di armi o esplosivi, così come non sarà ammessa la circolazione di mezzi pesanti.

Il modello organizzativo messo in atto mira a “custodire” la gente, compito primario della Polizia di Stato così come sottolineato oggi da Papa Francesco durante un’udienza privata. 

Invariato il livello di sicurezza e non ci saranno misure afflittive ma solo l’intensificazione dei servizi di controllo del territorio e delle attività di vigilanza per garantire le misure di sicurezza nei confronti dei cittadini soprattutto in previsione delle festività pasquali.

 

Sorvegliate chiese, basiliche, sinagoghe, santuari, ma anche metropolitane, linee ATAC, banche, uffici postali , centri commerciali, ville e parchi storici e ambasciate. Sotto sorveglianza anche nell’hinterland, tra i Castelli e il litorale.

Intensificata la sorveglianza su immobili occupati abusivamente e su Moschee, sale di preghiera e strutture ricettive varie al fine di rintracciare eventuali sospetti.

Fonte: Questura di Roma

Potrebbe interessarti:

Maratona di Roma, bando in Gazzetta Europea per la valorizzazione
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti