Sposarsi a Roma tra rito religioso e civile

Print Friendly, PDF & Email

L’amore non consiste nel guardarsi l’un l’altro, ma nel guardare insieme nella stessa direzione.
(Antoine de Saint Exupéry)

Siete alla ricerca di un matrimonio davvero indimenticabile?

Roma è la città che fa per voi, pronta a farvi vivere un’emozione unica.  

La ricca offerta di chiese vi permetterà di soddisfare ogni vostra necessità per celebrare il matrimonio con rito religioso, mentre se preferite un rito civile il Comune mette a disposizione quattro sale.

Rito religioso: le Chiese più scelte

E’ bene sapere, visto l’elevato numero di richieste e la maggior concentrazione in determinati periodi dell’anno, che i tempi di attesa possono essere anche molto lunghi. Pertanto è bene iniziare a orientarsi con largo anticipo.

Tra le Chiese più richieste troviamo:

  • Santa Francesca Romana, chiesa barocca all’interno del foro romano, 
  • Nereo e Achilleo, chiesa molto grande che si trova vicino alle Terme di Caracalla, 
  • San Giorgio in Velabro, chiesa dedicata a San Giorgio, si trova vicino alla Bocca della Verità, 

  • Dio Padre Misericordioso (Chiesa del Terzo Millennio), chiesa moderna progettata dall’architetto statunitense Richard Meier, 

  • San Giovanni a Porta Latina, 

  • Santa Maria in Cosmedin, chiesa dal rito greco ortodosso che si trova vicino la Bocca della Verità.

Rito civile: le sale dove sposarsi

Per chi desidera sposarsi con rito civile, la città eterna offre una serie di sale dove poter convolare a nozze.

Tutte attorniate dalle piazze e monumenti più suggestivi, che faranno da cornice alle vostre fotografie per rendere il “giorno più bello della vostra vita” ancor più speciale.

  • Sala Rossa, situata al piano terra del palazzo che ospita il Comune, il Campidoglio.

  • Complesso Vignola Mattei (ex Santa Maria in Tempulo), chiesa sconsacrata adibita alla celebrazione di matrimoni civili, a due passi dalle suggestive Terme di Caracalla.
  • Villa Lais, in Piazza Cagliero nel VII municipio. Per informazioni i cittadini possono rivolgersi telefonicamente all’ URP o all’Ufficio Anagrafico del Municipio.

  • La Sala Azzurra, ad Ostia in Piazza Regina Pacis che ha a disposizione degli sposi anche un grande giardino per le fotografie.

Tutte le sale adibite a matrimoni non sono visitabili tranne che durante le celebrazioni degli stessi. E il loro costo varia a seconda della residenza: residenti (almeno uno dei due coniugi) o residenti all’estero o in altro comune. Le somme dovute sono in relazione a un servizio pubblico a domanda individuale e non alla tipologia della sala.

Inoltre è bene sapere che da Ottobre 2015 in poi i matrimoni civili si possono celebrare anche presso location private. 

E’ quanto prevede una delibera di Giunta, fresca di approvazione, che risponde alla crescente domanda di spazi per il rito nuziale.

Queste le condizioni e le prescrizioni essenziali per aprire sale dove celebrare matrimoni ai sensi dell’articolo 106 del Codice Civile: 

1) gli spazi devono “possedere rilevanza storica, culturale, ambientale o turistica; essere aperti al pubblico e disporre da subito di ogni caratteristica per ospitare le celebrazioni, senza necessità di realizzare adeguamenti strutturali”.

In caso di immobili vincolati, la richiesta andrà corredata dal parere favorevole della sovrintendenza competente (capitolina o Soprintendenze di Stato). Roma Capitale raccoglierà le proposte con un bando a cadenza annuale, affidando a una commissione tecnica il compito di vagliarle. 

2) Il privato accreditato dovrà pagare una tariffa al Campidoglio, composta da una quota fissa e da una variabile. Gli edifici saranno classificati in tre “classi di merito” in base alla rilevanza; in funzione della classe di appartenenza saranno determinate le tariffe. 

3) La convenzione tra Roma Capitale e i privati durerà un anno. Ogni attività e spesa dovrà essere a carico del privato. 

4) Così come già accade nelle sale istituzionali, il rito dovrà vedere la partecipazione di almeno due ufficiali di stato civile (celebrante e rogante).

Per maggiori informazioni sui documenti da presentare e l’iter da seguire si consiglia di chiamare lo 06 06 06, o recarsi all’Ufficio Matrimoni di Roma Capitale in Via Petroselli, 50 Tel. 06 67103066.

Potrebbe interessare:

Sposarsi in masseria: una moda sempre più diffusa
Tra i castelli del Galles Settentrionale per una luna di miele suggestiva

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti