Unesco, l’Italia candida la Transumanza a patrimonio dell’umanità

Print Friendly, PDF & Email
Unesco, l'Italia candida la Transumanza a patrimonio dell'umanità

L’Italia ha presentato ufficialmente ieri a Parigi la richiesta di candidare “La Transumanza” a diventare patrimonio culturale immateriale dell’umanità Unesco. A farlo sapere è il ministero delle Politiche agricole.


L’Italia è il paese capofila insieme alla Grecia e all’Austria. Con la firma del dossier di candidatura transnazionale è stato formalmente avviato il processo di valutazione internazionale che porterà alla decisione da parte del Comitato di governo dell’Unesco nel novembre 2019.

La Transumanza rappresenta la migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che, insieme ai loro cani e ai loro cavalli, si spostano in differenti zone climatiche, percorrendo le vie semi-naturali dei tratturi. Elemento culturale dal forte contenuto identitario, questa pratica tradizionale rappresenta un’attività economica sostenibile caratterizzata da un rapporto peculiare tra uomo e natura, influenzando tutti i campi dell’arte.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Pesto alla genovese: la storia della ricetta che mira all'Unesco

IL PESTO ALLA GENOVESE: L’ORO VERDE DELLA LIGURIA CHE MIRA ALL’UNESCO

alpi del mediterraneo ed ecosistemi forestali della sila candidati a patrimonio unesco

ALPI DEL MEDITERRANEO ED ECOSISTEMI FORESTALI DELLA SILA CANDIDATI A PATRIMONIO UNESCO

OSTIA ANTICA E LA CANDIDATURA A PATRIMONIO UNESCO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti