Andalusia, una terra di luce e colori da scoprire

Print Friendly, PDF & Email
Vestiti colorati in Andalusia

Una regione piena di vita dove scoprire antiche tradizioni, meraviglie architettoniche e ancora tanti altri tesori. Un viaggio indimenticabile per tutti, sia che viaggiate con amici, famiglia o in coppia.

L’Andalusia è anche un luogo in cui conciliare il gusto per la storia e la cultura con i piaceri della tavola, magari sorseggiando un rebujito o una sangria. Vi andrebbe di accompagnarci?

Sevilla, Andalusia

© Pixabay

Quando andare

L’Andalusia è una delle mete di vacanze marittime più gettonate della Spagna e anche dell’Europa. Viaggiatori di tutto il mondo vengono in cerca del sole, il caldo e l’ottima cucina andalusa, e non solo. Ecco perché, per quelli che vogliono godersi al meglio la vacanza, lontani dalle strade affollate e anche dal caldo eccessivo dell’estate, il periodo migliore dell’anno per andare in Andalusia è la primavera.

In ogni caso, è sempre un buon momento per una visita. Se optate per la classica vacanza estiva, il consiglio è quello di rimanere idratati tutto il tempo e di non esporsi nelle ore più calde (le temperature possono raggiungere facilmente i 40º). Approfittate delle calde serate per una bella passeggiata alla scoperta dell’Andalusia notturna, indimenticabile!   

Come muoversi

Una vacanza on the road per vivere l’Andalusia. Noleggiate un’auto e andate alla scoperta di questa meravigliosa regione. La rete stradale offre ottimi collegamenti tra le città, comodi e rapidi.

Le strade più irregolari e strette sono quelle che conducono nei paesi più piccoli, ma niente di esagerato. Bisogna fare un po’ di attenzione e non perderete neanche tanto tempo, ma scoprirete autentiche meraviglie piene di tradizione e fascino, tra cui gli incantevoli cortili andalusi.

Una volta arrivati alla vostra destinazione, il modo migliore per scoprirla è farlo a piedi. Perdetevi per una passeggiata tra le stradine dei centri storici e immergetevi veramente nell’atmosfera andalusa. Troverete dei locali accoglienti e gentili, pronti a darvi una mano se avrete bisogno.

Un’Andalusia unica, mille rotte per scoprirla

Una visita culturale

Iberi, fenici, greci… Sono tante le civiltà antiche che puntarono sull’Andalusia sin dall’inizio dei tempi e che l’hanno fatta diventare quello che è oggi dopo secoli di storia e l’incontro di numerose culture. Fu soprattutto con gli arabi che la regione fece un boom e divenne un luogo d’interesse globale con un patrimonio artistico e storico unico.

Questi viavai di gente, accenti e culture hanno lasciato traccia nel popolo andaluso, aperto e accogliente, che riceve a braccia aperte qualsiasi visitatore che abbia voglia di scoprire le bellezze andaluse.

Gli imperdibili? La moschea di Cordova, l’Alhambra di Granada e la Giralda di Siviglia, le principali rappresentazioni dell’arte arabo-islamica dell’Andalusia e tra le principali testimonianze della presenza islamica in Spagna dall’VIII secolo al XIII secolo.

Una natura infinita

Non solo arte e cultura ma anche una vasta quantità di parchi e spazi naturali da scoprire. Oltre a più di venti parchi naturali, troverete il Parco Nazionale di Doñana, quello di Sierra Nevada, il Deserto di Tabernas in Almeria (spesso utilizzato come set cinematografico) e alcune delle foreste mediterranee meglio conservate della Spagna.

Da non dimenticare gli incredibili giardini degli alcázar andalusi, che sono le fortezze e cittadelle fortificate create sempre dagli arabi in Spagna. Ad esempio, il giardino dell’Alcázar dei Re Cristiani a Cordova o quello dell’Alcázar di Siviglia, due oasi di calma e tranquillità in cui rilassarsi lontani dalla confusione delle città.

Una vacanza al mare

Per quelli che la parola “vacanza” significa relax, sole e spiaggia, l’Andalusia rimane sempre la meta ideale. Qui troverete delle meravigliose spiagge dall’acqua cristallina e la sabbia fine. Tra le indimenticabili:

  • Zahara de los atunes, a Cadice. È una spiaggia idonea per il windsurf e lo snorkeling, oltre all’animata vita notturna che c’è.
  • Bolonia, sempre a Cadice, è una spiaggia molto bella e tranquilla.
  • Los Escullos, ad Almeria. Un parco naturale in cui potrete rilassarvi sulle spiagge dell’Esparto o della Piedra Galera.
  • El Rompido, una spiaggia di Huelva in cui scoprirete una vegetazione vergine e delle dune meravigliose.

Il viaggio dei sapori

L’eccellente qualità dei prodotti autoctoni, la maniera di cucinarli e la cura con cui li trattano rendono la gastronomia andalusa uno dei beni più preziosi del paese. Per avvicinarsi ad una cultura e conoscere un popolo non c’è niente di meglio che farlo attraverso la sua cucina.

Avventuratevi in un affascinante viaggio alla scoperta delle deliziose tapas, piccole porzioni piene di sapore. Da non perdere?

  • Le sardine alla brace, i cosiddetti espetos.
  • Il pescaíto frito, fatto con diversi tipi di pesce e frutti di mare fritti e croccanti (come acciuga, calamari, gamberi o baccalà)
  • Le papas aliñás, un piattino preparato con patate, uova sode, tonno sottaceto, peperone e cipolla tritati e olive.
  • Il rabo di toro, una tapa squisita fatta con la coda di bue ed una salsa a base di pomodoro, peperone, cipolla, carota, vino e specie.
  • Gli spinaci con i ceci, che vengono saltati in padella con l’olio, la paprica e l’aglio.

Tutto, accompagnato da una fresca sangria, a base di vino e frutta, o un delicato rebujito, l’altra bevanda più tipica fatta con il vino manzanilla ed un po’ di Sprite o 7Up.

Potrete mangiare in qualsiasi momento della giornata. Le cucine andaluse, come succede dappertutto in Spagna, sono sempre aperte. Seguono gli orari comuni dei turisti ma anche quelli dei locali, per i quali non è strano lo spostamento dei pasti qualche ora in avanti! 

Bar di tapas, Andalusia

© liveitup-tours.com

Sono veramente tante le possibilità in questa regione, toccherà a voi decidere il tipo di viaggio che volete fare! Comunque sia, sarà un’esperienza unica e  l’Andalusia non vi deluderà!

 

 

Info:
www.andalucia.org 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti