Archipelago, alla Galleria Poggiali di Milano la prima personale di John Isaacs

Print Friendly, PDF & Email
Archipelago, alla Galleria Poggiali di Milano la mostra su John Isaacs

La Galleria Poggiali presenta ARCHIPELAGO – from a distance you look smaller but I know that you are there di John Isaacs, prima personale dell’artista inglese negli spazi milanesi della galleria, fino al 29 giugno 2018.


La mostra, a cura di Pierre Yves Desaive, apre in occasione dell’Art Week e di miart 2018, ventitreesima edizione della fiera d’arte moderna e contemporanea.  Per la sua personale milanese l’artista presenta un progetto unico composto da tre elementi realizzati per l’occasione – una scultura, un neon e una fotografia – che riflettono sul tema del tempo, della sua sacralità e della sua percezione.

John Isaacs, artista poliedrico con oltre venti anni di carriera alle spalle, ha esordito in patria con la YBA -Young British Art- per poi spostarsi nel 2005 a Berlino, dove vive e lavora. Da allora la sua poetica si è evoluta diventando sempre più eclettica e meno legata allo stile britannico.

Pierre Yves Desaive, curatore della mostra, sottolinea come ARCHIPELAGO ruoti attorno alla necessità, apparentemente utopica, di conciliare le esigenze di un singolo individuo di fronte al travolgente fardello dell’intera umanità e allude all’interconnessione storica ma precaria di tutte le nostre vite.

Lo straniamento iniziale che producono le opere di questo artista riguarda un’essenza condivisa da tutti gli umani, una sensazione sublimata da una grande diversità di media e materiali capaci di catturare la fantasia dell’osservatore. Linguaggio e referenzialità hanno lo scopo di aprire a nuovi dialoghi in modo che, piuttosto che riaffermare un significato, questo si annulli per rivelare la dimensione emotiva delle cose e il loro rapporto con l’essere umano.

Info: www.galleriapoggiali.com

Potrebbe interessarti:

“NIENTE PUÒ FERMARMI”: ARRIVA A ROMA LA PRIMA PERSONALE DI JONONE

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti