Arezzo: nasce Fondazione “Arezzo in Tour” per la gestione delle attività turistiche

Print Friendly, PDF & Email

Arezzo. Approvata dal Consiglio Comunale di Arezzo del 23 febbraio scorso, su proposta della Giunta, la costituzione della Fondazione “Arezzo in Tour” che gestirà tutte le attività turistiche che fino ad ora venivano svolte dall’ufficio comunale competente e attraverso la quale l’amministrazione ha deciso di potenziarne di nuove per promuovere sempre di più il nome e l’immagine della città.


Sarà una convenzione, tra Comune di Arezzo e Fondazione, che prevede il passaggio delle attività fino ad ora gestite dall’ufficio turismo e grandi eventi del Comune alla Fondazione stessa. 

Il Comune, sempre in base alla convenzione, assegnerà temporaneamente alla Fondazione il personale dei servizi turistici. Quest’ultima, inoltre, sarà vincolata, nell’esercizio del proprio mandato, all’osservanza degli indirizzi del Consiglio Comunale e della Giunta.

Oltre al contributo del Comune di Arezzo la Fondazione riceverà l’intero introito della tassa di soggiorno che di fatto fa diventare Arezzo il primo Comune in Italia a gestire il gettito attraverso un’azienda con professionisti del settore e che ha come unica missione lo sviluppo territoriale e turistico. La convenzione ha durata tre anni ed è rinnovabile con delibera della Giunta.

La Fondazione “Arezzo In Tour” sarà di fatto una “Dmo”, Destination Management Organization, ovvero una istituzione che svolge la funzione di marketing territoriale con particolare attenzione alla governance e alle politiche turistiche, al miglioramento dell’ospitalità e al “place branding” ossia al miglioramento dell’immagine della città per influenzare la scelta del turista.

La Fondazione si propone come un ente in grado di gestire l’intera destinazione turistica Arezzo con una forte sinergia tra pubblico e privato e intende farlo anche grazie alle tecnologie digitali e al web marketing più all’avanguardia.

Uno dei tratti distintivi di questo nuovo ente è l’innovazione: i database realizzati dalla Fondazione devono essere il punto di riferimento per tutto il settore turistico attraverso sistemi di A.P.I. (interfacciamenti per software esterni) in modo da avere un’unica fonte dati che chiunque può leggere, scrivere e visualizzare.

Si prevede un database per informazione turistica, calendario eventi, mappe, foto e video della città. Inoltre, ogni azione rivolta alla promozione e comunicazione della destinazione Arezzo deve essere fatta, in modo prioritario, nei nuovi media, attraverso un approccio innovativo del digitale: con, ad esempio, video virali o nuovi siti web e social media marketing. Altro obiettivo è quello di sviluppare e promuovere servizi innovativi legati al turismo. 

Fonte: www.toscanapromozione.it

Potrebbe interessarti:

 A Pistoia una collezione inedita di Marino Marini
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti