Cammino di Santiago, i luoghi patrimonio Unesco lungo il percorso

Print Friendly, PDF & Email
il Cammino di Santiago

Il Cammino di Santiago da anni attira milioni di turisti in cerca di un modo originale di fare turismo, per avventura o soprattutto per motivi spirituali. L’itinerario che attraversa la Spagna rappresenta per molti un’emozione indescrivibile da provare almeno una volta nella vita.


Un buon paio di scarponi e uno zaino in spalla, e si può iniziare il Cammino di Santiago per conoscere in modo diversa la Spagna settentrionale fino ad arrivare alla cattedrale di Santiago de Compostela, in Galizia, dove si trova la tomba dell’apostolo Giacomo. La rete degli itinerari del Cammino di Santiago è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1993.

Gli stimoli che spingono ogni pellegrino a indossare e intraprendere l’itinerario sono molteplici. Nella maggior parte dei casi si uniscono sfida personale, volontà di introspezione e interesse per la storia, l’arte, la natura e lo sport.

Percorrere il Cammino di Santiago significa addentrarsi in paesaggi ricchi di contrasti fra meseta e montagna, prati e coste. È un itinerario nel quale gli spazi naturali si succedono senza soluzione di continuità. Durante il tragitto si incontrano parchi nazionali e aree ecologiche eccezionali, come le vette dei Pirenei, le rive dell’Ebro e i suoi fertili campi coltivati, le grandi pianure della Castiglia e León con i campi di cereali, le salite a grandi passi montani e i pascoli e i prati verdi della Galizia e delle Asturie. Una natura estremamente affascinante in cui il pellegrino si sente pienamente integrato mentre percorre il cammino verso la capitale galiziana. In questi paesaggi da cartolina, il viandante riesce ad astrarsi completamente dalla realtà quotidiana. La mente si svuota e ci sono solo il cammino, la natura e la riflessione.

La mappa del Cammino di Santiago:  http://www.mainjoin.eu/map/news/2018/santiago/index.html 

Lungo il Cammino di Santiago si possono ammirare ben nove aree dichiarate Patrimonio dell’Umanità:

  • Monasteri di Yuso e Suso: si trovano a San Millán de la Cogolla (La Rioja), a meno di dieci chilometri dal tracciato del Cammino Francese attraverso la località di Cirueña. Sono considerati la culla della lingua spagnola, perché proprio qui fu elaborata la prima testimonianza scritta conosciuta.
  • Cattedrale di Burgos: è uno dei migliori esempi del gotico spagnolo e l’unica cattedrale dichiarata da sola Patrimonio dell’Umanità in Spagna. Si trova a Burgos, città attraversata dall’itinerario francese del Cammino. 
  • Sito archeologico di Atapuerca: è il sito paleontologico più importante d’Europa. Si trova a circa 20 chilometri da Burgos, ma il Cammino darà l’opportunità di scoprirlo attraverso il Museo dell’Evoluzione Umana che ha sede nella città. Qui, oltre ad ammirare importanti reperti provenienti dagli scavi, si può prendere l’autobus navetta fino ad Atapuerca.
  • Ponte sospeso di Biscaglia: è uno dei ponti trasportatori più antichi del mondo e, sebbene risalga al XIX secolo, è tuttora in uso. Il ponte collega Portugalete con Getxo, a Biscaglia (Paesi Baschi), e il percorso Nord del Cammino passa da entrambe le località. 
  • Arte rupestre paleolitica della Cornice Cantabrica: comprende la grotta di Altamira e altre 17 cavità distribuite tra Paesi Baschi, Cantabria e Asturie. I dipinti hanno circa 14.000 anni di storia e la maggior parte delle grotte si trova in prossimità dell’itinerario Nord del Cammino. La più importante, Altamira, si trova a Santillana del Mar, dove si può visitare il Museo e una riproduzione a dimensioni reali della grotta.
  • Monumenti di Oviedo e del Regno delle Asturie: si tratta di esempi importanti dell’architettura religiosa pre-romanica in Spagna. Da visitare percorrendo il Cammino Primitivo attraverso la città di Oviedo (Asturie), dove si trovano le chiese di Santa María del Naranco, San Miguel de Lillo e San Julián de Prados. 
  • Mura romane di Lugo: particolarmente interessanti perché conservano intatto il perimetro, sono il miglior esempio delle ultime fortificazioni romane nell’Europa occidentale.
  • Città vecchia di Santiago de Compostela: è la meta del Cammino di Santiago e custodisce le zone urbane più belle del mondo, secondo definizione dell’UNESCO. La città fu ricostruita nell’XI secolo e si sviluppa intorno all’imponente cattedrale. Da segnalare l’atmosfera delle sue strade, tra edifici romanici, gotici e barocchi. 

Info: www.spain.info

Potrebbe interessarti:

Risultati immagini per santiago de compostela

SANTIAGO DE COMPOSTELA, COSMOPOLITA E MILLENARIA

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti